foto-andrea-iannone-griglia-motogp-valencia-2015

Caduto per aver commesso l'unico errore stagionale mentre era all'inseguimento di Pedrosa, Andrea Iannone ci ha provato fino alla fine a riprendersi il quarto posto in classifica che ha tenuto in pugno per dieci GP consecutivi (da Montmelò a Sepang). Alla fine però il pilota di Vasto si è dovuto "rassegnare" al quinto posto finale.

Rassegnare tra virgolette perché, anche se l'obiettivo non è stato centrato, il risultato ottenuto è molto positivo e soddisfacente. Iannone ha sfruttato tutte le occasioni che gli si sono presentate, disputando l'intera stagione, la terza nella top class, con grande costanza e determinazione come dimostrato dai numeri : su 18 gran premi Andrea ne ha conclusi 16, di cui 12 nella top five con un secondo posto più pole position e due terzi posti. Negli altri nove l'abruzzese si è piazzato cinque volte quarto e quattro volte quinto.

Purtroppo i due zeri rimediati in Malesia e ieri in Spagna hanno avuto un ruolo determinante in questo risultato finale.

Andrea Iannone - Ducati Team #29 : "La mia gara è iniziata bene, con una buona partenza, ed ho cercato di spingere il più possibile non avendo niente da perdere. Ho provato a stare con i migliori e stavo seguendo Pedrosa, che aveva un ottimo ritmo. Purtroppo ho commesso un errore e sono scivolato, però a volte bisogna essere pronti a rischiare tutto per provare a raggiungere un obiettivo importante. Voglio ringraziare tutta la mia squadra per quest’anno fantastico, e la Ducati e tutti i ragazzi a Bologna per il supporto che ho avuto da quando sono arrivato nel team ufficiale. Sono molto contento del risultato finale anche se abbiamo perso il quarto posto a cui tenevamo tanto, e sono certo che il prossimo anno saremo pronti per lottare alla grande."

© RIPRODUZIONE RISERVATA

banner amazon