Motomondiale
Carattere

Maverick Vinales conquista a Le Mans la seconda pole position stagionale (1'31.994), la tredicesima in carriera. Secondo tempo per Valentino Rossi (+0.106), terzo per il "padrone di casa" Johann Zarco (+0.235). Prima fila tutta Yamaha dunque con le due M1 ufficiali dotate, in quest'occasione, della speciale carenatura con intercapedini aerodinamiche.

Marc Marquez ci ha provato con tutte le sue forze ad agguantare quella che per lui sarebbe stata la 68esima pole in carrirea, accollandosi nei primi giri anche una "buffa" scivolata - la seconda della giornata - alla curva 3. Alla fine però, lo spagnolo, non è riuscito nel suo intento e si è dovuto rassegnare alla quarta posizione a ridosso della Honda LCR guidata da Cal Crutchlow. Numeri alla mano, il britannico sembra messo meglio rispetto al campione del mondo spagnolo, ma c'è ancora il warm-up per riuscire a trovare ciò che manca alla RC213V #93 per essere più veloce.

Il week end francese si è finora rivelato particolarmente avverso nei confronti delle due Ducati ufficiali. Andrea Dovizioso, in netto miglioramento rispetto agli ultimi due turni di libere (12° nella FP3 e 10° nella FP4), ha concluso la Q1 in testa, guadagnandosi così l'accesso alla Q2 dove ha poi concluso la sessione in sesta posizione. Sul passo gara, il forlivese non è messo male, ma sarà necessario sfruttare il warm-up di domani per essere ancora più efficace.

E' andata molto peggio invece a Jorge Lorenzo che, dopo aver concluso la FP3 in ultima posizione, ha archiviato la sua Q1 in sesta piazza, e domani dovrà quindi scattare dal 16° posto in griglia, affiancato da Andrea Iannone su Suzuki GSX-RR e Aleix Espargarò su Aprilia RS-GP.

Nella top ten anche Redding (7°), seguito da P.Espargarò su KTM Red Bull, Abraham e Smith in sella all'altra KTM, mentre ne restano fuori Miller (11°), protagonista della FP1 (bagnata) e terzo classificato nella FP3, e Pedrosa (13°), che in Q1 ha perso la contesa con Dovizioso e Zarco per un errore tattico. Per il catalano, vincitore a Jerez, si prospetta una gara tutta in salita.

Il week end francese non è iniziato nel migliore dei modi dal punto di vista meteorologico. I piloti hanno dovuto affrontare la prima sessione (FP1) di libere su asfalto bagnato, e la FP2 invece su fondo umido. Solo oggi si è potuto girare in condizioni completamente asciutte che hanno abbassato i tempi, rispetto a ieri, di circa 5".

Domani alle ore 14:00, il via all'attesissimo GP di Francia 2017 classe MotoGP (leggi i risultati).

IL PRONOSTICO DI MOTONOTIZIE.IT

  1. Rossi
  2. Vinales
  3. Zarco
  4. Crutchlow
  5. Marquez

MOTOGP LE MANS 2017 - CLASSIFICA Q1

MOTOGP LE MANS 2017 - CLASSIFICA Q2

MOTOGP LE MANS 2017 - GRIGLIA DI PARTENZA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

banner pneumatici mitas sport force plus

Iscriviti alle nostre pagine social

facebook twitter google plus youtube

banner motogp CALENDARIO CAMPIONATO 2018

18 marzo - GP del Qatar - Losail

8 aprile - GP di Argentina - Río Hondo

22 aprile - GP d'America - Austin

6 maggio - GP di Spagna - Jerez

20 maggio - GP di Francia - Le Mans

3 giugno - GP d'Italia - Mugello

17 giugno - GP della Catalogna - Barcellona

1 luglio - GP d'Olanda - Assen

15 luglio - GP di Germania - Sachsenring

5 agosto - GP della Repubblica Ceca - Brno

12 agosto - GP d'Austria - Spielberg

26 agosto - GP d'Inghilterra - Silverstone

 9 settembre - GP di San Marino - Misano

23 settembre - GP di Spagna - Aragón

7 ottobre - GP della Thailandia - Chang

21 ottobre - GP del Giappone - Motegi

28 ottobre - GP d'Australia - Phillip Island

4 novembre - GP della Malesia - Sepang

18 novembre - GP de la Comunitat Valenciana - Valencia