foto_rossi_motogp_test_losail_day_3_2017

Deluso e preoccupato: è questo lo stato d'animo del nove volte iridato nel post-day 3 di Losail. In questo quarto ed ultimo test ufficiale IRTA, che precede l'inizio del mondiale, Valentino non è riuscito a trovare il bandolo di una matassa che si è ingarbugliata con l'arrivo della nuova moto.

Anche sul tracciato qatariota, dove dal 2007 ad oggi ha conquistato due vittorie e quattro secondi posti, soltanto sabato Valentino è riuscito ad essere efficace nel time attack, e ad avvicinare il compagno di squadra Maverick Vinales. Il confronto con lo spagnolo è inevitabile visto che il neo-acquisto Yamaha è riuscito a far volare la M1 in tutti e quattro i test. Viceversa il pesarese ha sofferto parecchio su tutti i tracciati per l'assenza di feeling con la nuova moto, più volte stravolta nel setup con scarsi risultati. Di seguito le parole di Valentino a dieci giorni dalla gara inaugurale del campionato:

"Oggi è stato più difficile rispetto a ieri. Abbiamo iniziato con la stessa moto per continuare il nostro programma, ma purtroppo non ho avuto lo stesso feeling e velocità. Le condizioni della pista erano un pò diverse, e non siamo riusciti a migliorare. Non ho avuto le stesse sensazioni di ieri, quindi ero un po' più lento. Abbiamo fatto un grande sforzo, per andare un po' più lenti. Credo che non siamo ancora pronti, non riusciamo a capire cosa occorre per far andare forte la moto. Siamo un po' preoccupati, perché ad eccezione di alcuni buoni giri, i test invernali sono stati molto difficili. Così ora con la squadra dobbiamo parlare e cercare di essere più forti per la prima gara. Spero di essere più veloce e più competitivo !"

Ironico nella conferenza stampa finale, Valentino Rossi ha concluso l'intervista ai microfoni di Sky Sport MotoGP, con la seguente frase: "speriamo che in due settimane succeda qualcosa di miracoloso e di riuscire ad andare forte...".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

banner amazon