Motomondiale
Carattere

E' Andrea Dovizioso il protagonista della prima giornata di test ufficiali IRTA a Losail. Unico pilota in grado di scendere sotto il muro dell'1'55", l'alfiere del Ducati Team si è piazzato in vetta alla classifica dei tempi al 26° dei 36 giri compiuti, chiudendo il suo best lap in 1'54"819.

Alle spalle del forlivese che nei prossimi due giorni potrebbe scendere in pista con una nuova carena dotata di inedite appendici aerodinamiche, staccato di 0.366 sec, troviamo invece la prima delle due Yamaha ufficiali, ovvero quella guidata da Maverick Vinales (1'55"179). In questa prima giornata di attività, sul circuito qatariota, l'asso spagnolo ha continuato il lavoro di perfezionamento della sua M1, concentrandosi principalmente sul degrado degli pneumatici, sul consumo di carburante, e dedicandosi alla ricerca di un buon set up di gara.

Inizio positivo anche per il britannico Cal Crutchlow, autore del terzo miglior tempo in 1'55"420, e per il pilota ceco Karel Abraham, capace di piazzare la Ducati privata del team Aspar, davanti alla Desmosedici ufficiale di Jorge Lorenzo, seppur per un soffio. Soddisfatto il cinque volte iridato per il buon inizio, e consapevole che sul tracciato qatariota la Desmosedici GP può puntare alla vittoria.

Ancora in affanno invece Valentino Rossi che in questa prima giornata, si è dedicato alla valutazione di varie opzioni per la distribuzioni dei pesi della sua M1. Poco soddisfatto, il pesarese ha chiuso la sessione in settima piazza (1'55"679), alle spalle di Jonas Folger (miglior Rookie) su Yamaha Tech 3, e a mezzo secondo dal compagno di squadra Vinales.

Avvio cauto per Dani Pedrosa, autore dell'ottavo tempo (1’55"692), davanti a Johann Zarco e Andrea Iannone, con quest'ultimo che accusa la mancanza di feeling con l'anvantreno della sua GSX-RR, e che a inizio sessione è stato protagonista di una caduta alla curva 6.

Cadute (due) anche per il campione del mondo in carica Marc Marquez, che ha chiuso la gionata in dodicesima piazza alle spalle di Danilo Petrucci. Marquez ha provato quest'oggi una nuova carenatura dotata di inedite appendici aerodinamiche, e anche se il suo best lap lo colloca ad oltre un secondo dal leader della classifica, lo spagnolo si è detto soddisfatto per il buon passo gara registrato.

Il calo delle temperature ha provocato, a 40 minuti dalla fine, le cadute (nell'ordine) di Pol Espargaro (19°), Alex Rins (18°) e Sam Lowes (20°). Tutti illesi i piloti, ma la direzione gara ha deciso di concludere anticipatamente la sessione.

Domani alle ore 16:00 locali (le 14:00 in Italia), il via alla seconda giornata di test.

CLASSIFICA GIORNO 1 MOTOGP TEST QATAR 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

banner pneumatici mitas sport force plus

Iscriviti alle nostre pagine social

facebook twitter google plus youtube

banner motogp CALENDARIO CAMPIONATO 2018

18 marzo - GP del Qatar - Losail

8 aprile - GP di Argentina - Río Hondo

22 aprile - GP d'America - Austin

6 maggio - GP di Spagna - Jerez

20 maggio - GP di Francia - Le Mans

3 giugno - GP d'Italia - Mugello

17 giugno - GP della Catalogna - Barcellona

1 luglio - GP d'Olanda - Assen

15 luglio - GP di Germania - Sachsenring

5 agosto - GP della Repubblica Ceca - Brno

12 agosto - GP d'Austria - Spielberg

26 agosto - GP d'Inghilterra - Silverstone

 9 settembre - GP di San Marino - Misano

23 settembre - GP di Spagna - Aragón

7 ottobre - GP della Thailandia - Chang

21 ottobre - GP del Giappone - Motegi

28 ottobre - GP d'Australia - Phillip Island

4 novembre - GP della Malesia - Sepang

18 novembre - GP de la Comunitat Valenciana - Valencia