EICMA
Carattere

Lultima novità 2017 a salire sul palco della Ducati World Première è stata la 1299 Superleggera, nome commerciale del famigerato progetto 1408 che ha alimentato i commenti e la curiosità degli appassionati da metà ottobre in poi.

Una moto speciale, non a caso l'ing. Claudio Domenicali - Amministratore Delegato Ducati - l'ha riservata per il finale, attribuendole il ruolo adeguato di ciliegina sulla torta. A portarla davanti alla folta platea di presenti, il due volte iridato della MotoGP Casey Stoner, testimonial Ducati.

Dopo tanta attesa, accompagna da qualche foto finita in rete già qualche giorno prima della World Première, possiamo finalmente fornirvi tutte le informazioni tecniche della nuova "SuperPanigale" che abbiamo peraltro immortalato dal vivo durante l'evento milanese.foto ducati 1299 superleggera

MOTORE

Il bicilindrico Superquadro derivato dalla Ducati 1299 Panigale S, è stato vitaminizzato tramite l'adozione di nuovi pistoni da 116mm di diametro a due segmenti - che hanno generato un aumento del rapporto di compressione -, e canne cilindro in alluminio, più leggere. Anche l'albero motore è stato alleggerito tramite l'adozione di pastiglie di equilibratura in tungsteno. Ci sono anche nuove bielle in titanio e basamenti motore fusi in sabbia.foto ducati 1299 superleggera nuda

Le teste del Superquadro hanno guadagnato nuove valvole di aspirazione e scarico in titanio di diametro maggiore, mentre i condotti di aspirazione e scarico sono stati appositamente sviluppati. Gli alberi a camme hanno un'alzata maggiore.

Tutte le modifiche citate, hanno incrementato la potenza massima del bicilindrico bolognese al valore di 215 CV a 11.000 giri/minuto, mentre la coppia è salita a 14,9 kgm a 9.000 giri/minuto, 10 CV (+ 4,9%) e 0,2 kgm (+ 1,5%) in più rispetto alla 1299 Panigale.

CICLISTICA

Ma la parte della 1299 Superleggera che più affascina è certamente la ciclistica. Monoscocca, forcellone, telaietto posteriore e cerchi sono realizzati in leggera fibra di carbonio, materiale utilizzato anche per la carenatura. Tali componenti, unitamente a quelli impiegati per allegerire il motore e all'installazione di una batteria al litio, hanno determinato un peso a secco di soli 156 kg.

La qualità delle parti strutturali in fibra di carbonio è garantita da tre differenti metodi di controllo non distruttivo (NDI - Non Destructive Inspection) utilizzati in campo aerospaziale:

  • Active Transient Thermography: permette di ispezionare il componente negli strati superficiali ed è indispensabile per un’accurata analisi di superfici complesse e zone di bordo.
  • Ultrasonic Phased Array: basata sulla tecnica Pulse Echo, permettere una visualizzazione bidimensionale. È più dettagliata rispetto alle procedure di test ad ultrasuoni convenzionali, grazie ad una superiore copertura e una maggiore sensibilità.
  • Computed Axial Tomography: consiste in una ispezione tridimensionale a raggi X che assicura la copertura del 100% del volume del componente controllato. Tali controlli vengono eseguiti sull’intera produzione per accertarne la qualità costruttiva.

Di primo livello anche il comparto sospensioni che vede all'anteriore una focella pluriregolabile a steli rovesciati da 43mm di diametro Ohlins FL936, e un monoammortizzatore Ohlins TTX36.il monoammortizzatore ohlins ttx36 della ducati 1299 superleggera

I freni sono naturalmente della Brembo. L'azienda bergamasca ha fornito due dischi da 330mm di diametro, due pinze monoblocco M50 che vengono nello specifico azionate da una pompa radiale MCS 19/21, e da un disco singolo da 245mm di diametro. Le pastiglie, fornite anch'esse dalla Brembo hanno coefficiente d'attrito incrementato.

ELETTRONICA

La 1299 Superleggera è la prima moto di Borgo Panigale ad essere equipaggiata col nuovo pacchetto elettronico che sfrutta la piattaforma inerziale a sei assi (6D IMU - Inertial Measurement Unit). Tale pacchetto comprende DTC EVO, DSC, DWC e EVO, ed è in grado di regalare all’utente un’esperienza di controllo della moto molto vicina a ciò che si prova guidando una MotoGP.foto strumentazione ducati 1299 superleggera

KIT RACING

Ducati ha pensato a chi vuole usare la moto solo in circuito, realizzando un kit pista che comprende uno scarico completo in titanio Akrapovič, del tutto simile a quello che equipaggia la Panigale ufficiale di Chaz Davies. Questo scarico è più leggero di 4 kg rispetto all’unità stradale e permette un aumento di potenza massima di 5 CV.

PREZZO

La Ducati 1299 Superleggera sarà prodotta in una serie limitata di soli 500 esemplari, che verranno venduti ad un prezzo esclusivo come la moto: € 80.000.

© RIPRODUZIONE RISERVATA