EICMA
Carattere

KTM ha presentato ad EICMA 2016 la nuova Duke 390, la piccola naked austriaca destinata anche ai motociclisti in possesso di patente A2, che per il 2017 si rinnova nel look e nei contenuti.

Il monocilindrico quattro tempi da 373,2cc è rimasto invariato nella potenza - 44 CV (32 kW) a 9.000 giri/min -, ma ha guadagnato l'omologazione Euro 4 grazie a un nuovo impianto di scarico e all'introduzione dell'acceleratore ride-by-wire. Quest'ultimo migliora inoltre la risposta del motore alla rotazione del gas, e adatta al meglio l'apertura della valvola a farfalla in base alla situazione di guida. Presente la frizione antisaltellamento PASC a comando meccanico.foto eicma 2016 motore ktm duke 390 2017

Modifiche anche per il telaio a traliccio di tubi in acciaio che non è più un tutt'uno con il telaietto reggisella. Quest'ultimo infatti non è più saldato alla struttura principale, ma imbullonato, e può quindi essere rimosso per agevolare le operazioni di manutenzione, o sostituito in caso di danni a seguito di caduta. Nuova anche la sella passeggero, più comoda e confortevole. Sono invece state rimosse le antiestetiche maniglie in acciaio che equipaggiavano la versione precedente. Nessuna modifica per il forcellone in alluminio pressofuso, che rimane fedele allo schema bibraccio adottato anche sugli altri modelli della gamma Duke.

L'impianto frenante è stato potenziato con un disco anteriore dal diametro maggiore rispetto a quello della versione precedente: 320mm contro 300mm. Presente di serie l'ABS 9MB Bosch a due canali, che può essere facilmente disinserito se e quando il pilota lo desidera.foto ktm duke 390 2017 in azione

Il comparto sospensioni vede l'impiego di una una nuova forcella anteriore WP upside down a cartuccia-aperta con diametro degli steli di 43mm, e di un monoammortizzatore posteriore centrale anch'esso prodotto e fornito dalla WP.

Duke 390 ha guadagnato anche un nuovo serbatoio carburante in acciaio, più capiente: 13,4 litri contro gli 11 del modello 2016. Ma le differenze più evidenti con la versione precedente riguardano l'estetica, completamente rivista ed ispirata alla sorella maggiore 1290 Super Duke R 2017, lanciata anch'essa in occasione della rassegna meneghina. I convogliatori d'aria hanno un design inedito, più moderno, così come il faro dotato di tecnologia a LED. 

Come gli altri modelli della gamma Duke anche questa 390 è stata equipaggiata con la nuova strumentazione TFT multifunzione e multicolore, che può essere completamente gestita dall'interrutore menu (retroilluminato) presente sul blocchetto comandi di sinistra. Quest'ultimo permette inoltre la gestione di alcune funzioni dello smartphone che può essere collegato alla moto tramite tethering.foto eicma 2016 strumentazione ktm duke 390 2017

Duke 390 ha un'altezza sella di 830mm e un peso a secco di 149 kg. La moto dovrebbe arrivare entro la primavera del 2017, e sarà disponibile in due colorazioni: bianco e arancione. KTM ha annunciato un prezzo, franco concessionario, di € 5.610,00 IVA compresa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA