EICMA
Carattere

Alla World Première 2017 che si è tenuta a Milano, Ducati ha lanciato due nuove versioni della Scrambler. Una di queste si chiama Cafè Racer ed è ispirata alle leggendarie motociclette che negli anni sessanta diedero vita a quello che poi è diventato uno dei movimenti più influenti della storia del motociclismo.

Scrambler Café Racer sfrutta la base tecnica della Icon, il motore è quindi il bicilindrico Desmodue da 803cc, con raffreddamento aria/olio e omologazione EURO 4, in grado di erogare una potenza massima di 75 CV a 8.250 giri/minuto e una coppia di 68 Nm a 5.750 giri/minuto. A a dare voce al bicilindrico bolognese, che in questa versione ostenta finiture di colore nero e alette lavorate a macchina, c'è un accattivante scarico Termignoni con doppio terminale e cover in alluminio anodizzato nero.foto ducati scrambler cafe racer world premiere 2017 003

I tecnici Ducati hanno introdotto per il 2017 un nuovo comando del gas e una diversa messa a punto del motore, mirata quest'ultima ad aumentare la fluidità di erogazione soprattutto nelle prime fasi di apertura. 

Scrambler Café Racer è equipaggiata con un impianto frenante Brembo. L'azienda bergamasca ha fornito per l'avantreno un disco singolo di generose dimensioni, ovvero 330 mm di diametro e 5mm di spessore. Su di esso lavora una pinza monoblocco radiale a quattro pistoncini M 4.32B, che viene azionata da una pompa freno anch'essa di tipo radiale.

Al retrotreno è invece presente un disco da 245 mm di diametro con pinza a pistoncino singolo di 32mm. Il tutto è coadiuvato dall'ABS Bosch 9.1 MP con sensore di pressione. Il cerchio anteriore da 18" della Icon lascia il posto ad una unità da 17" (come il posteriore), più adatta all'uso stradale. Gli pneumatici hanno misure 120/70 ZR 17 all'anteriore e 180/55 ZR17 al posteriore.foto ducati scrambler cafe racer world premiere 2017 001

Ma gli elementi distintivi della Scrambler Café Racer sono ben altri. Esteticamente la moto differisce dalle altre versioni per la presenza del cupolino in stile "Cafè Racer", della bellissima sella marrone lavorata e dotata di unghia monoposto removibile, del parafango anteriore corto, di una coppia di portanumero laterali con numero 54 in omaggio a Bruno Spaggiari, storico pilota Ducati che corse nel 1968 la Mototemporada Romagnola con una Ducati motorizzata Scrambler 350.

La dotazione della moto è completata dalla presenza di una coppia di semimanubri - che rimpiazzano il manubrio alto della Icon -, dagli specchietti bar-end di tipica ispirazione "race" anni '60, dal porta targa basso (lecca ruota), e dall'esclusiva colorazione Black Coffee con telaio e steli forcella in nero e cerchi color oro.foto ducati scrambler cafe racer 2017

Come per gli altri modelli della gamma Scrambler, anche la Café Racer ha una linea di accessori e abbigliamento dedicati che comprende: griglia per il proiettore anteriore a X, una diversa sella piatta e lunga, una piccola borsa da serbatoio in pelle, le ruote a raggi, specchietti e cover scarico, un inedito giubbotto in pelle nera, un casco integrale Bell by Roland Sands Design, felpa e magliette in stile Café Racer.

Ducati non ha ancora comunicato il prezzo e la data di arrivo nelle concessionarie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA