Moto
Carattere

Immaginate come sarebbe bello poter guidare una moto che non può cadere e fare incidenti. Non si avrebbe più la necessità di dover indossare il casco e alcun indumento protettivo, e la sensazione di libertà percepita dal pilota sarebbe quindi totale poichè priva di filtri.

Secondo BMW Motorrad la moto del futuro sarà così, un concentrato di tecnologia che permetterà a chiunque la guidi di godersi il vento, l'ambiente che lo circonda ed ogni singolo momento trascorso in sella, in totale sicurezza. Il sogno di ogni motociclista a cui il gruppo tedesco ha dato un aspetto e un nome.

Il Concept Vision Next 100, presentato l'11 ottobre a Los Angeles nell'ambito della mostra "Iconic Impulses" è un veicolo visionario, una soluzione alle esigenze di mobilità dell'uomo dei prossimi tre decenni. Un veicolo che riporta in se gli elementi che hanno fatto la storia di BMW, reinterpretati naturalmente in chiave ultra-moderna dal punto di vista funzionale e estetico.foto concept bmw motorrad vision next 100 002

TELAIO TRIANGOLARE FLEXFRAME

Il telaio "Flexframe" ha struttura triangolare, come la prima motocicletta prodotta dalla casa bavarese, la R32 del 1923. Si tratta di una scultura funzionale che unisce la ruota posteriore e la ruota anteriore, descrivendo un'onda dinamica. Cuscinetti e snodi sono praticamente invisibili, e la moto sembra realizzata in un pezzo unico. Quando si muove il manubrio la forma di tutto il telaio muta, rendendo così possibile il cambi di direzione. Lo sforzo necessario varia in base alla situazione di guida: manovre a moto ferma richiedono uno sforzo minimo, mentre a velocità elevate l'irrigidimento del telaio richiede uno sforzo maggiore.

Grazie alla sofisticata disposizione delle superfici - rivestite in un materiale tessile opaco -, il telaio protegge il pilota da vento e intemperie esattamente come farebbe una carenatura integrale.

MOTORE ELETTRICO ISPIRATO AL BOXER BMW

A discapito di un'estetica che si rifà ai celeberrimi boxer tedeschi, il motore della Vision Next 100 è elettrico. Esso occupa la parte centrale inferiore della moto ed è un elemento stilistico/funzionale che può variare la sua forma a seconda delle condizioni di utilizzo. A veicolo spento o fermo l'unità aderisce al telaio, mentre non appena la moto viene messa in marcia, il blocco motore fuoriesce lateralmente per ottimizzare l'aerodinamica e favorire la protezione del pilota dalle avversità atmosferiche.foto concept bmw motorrad vision next 100 005

DESIGN MINIMALISTA, DETTAGLI CURATI

Il design della moto è minimalista ma i dettagli e i materiali usati sono pregiati. Nella parte frontale della Vision Next 100 è presente un riflettore metallico composto da due elementi a U, che oltre ad assolvere alla funzione di faro, svolge quella di convogliatore d'aria. In combinazione con il piccolo parabrezza integrato, esso assicura un flusso d'aria aerodinamicamente ottimizzato.

Alcuni componenti come la sella, i parafanghi e la copertura superiore del telaio sono realizzati in fibra di carbonio, mentre il gruppo ottico posteriore è costituito da due filigranati corpi luminosi rossi, collocati sotto il guscio della sella. Essi fungono anche da indicatori laterali di direzione.

La Vision Next 100 è priva di ammortizzatori, al loro posto ci sono degli speciali pneumatici a profilo variabile che si adattano attivamente alla conformazione del fondo stradale, così da assicurare l'aderenza ottimale al suolo in ogni situazione di guida, e un efficace smorzamento delle sollecitazioni.foto concept bmw motorrad vision next 100 003

INTERCONNESSIONE GUIDATORE-MOTO-AMBIENTE

Una caratteristica che rende prevedibili possibili situazioni critiche. Grazie alla combinazione con sistemi di assistenza attivi di cui è dotata la moto, il guidatore della BMW Motorrad Vision Next 100 ha sempre la guida sotto controllo. Oltre ad essere previdenti, tali i sistemi possono entrare in azione durante la guida e proteggere il pilota.

L'abbigliamento da motociclista attuale, come il casco o l'equipaggiamento con protezioni, non sarà più necessario perchè i sistemi di assistenza attivi saranno in grado di mantenere in equilibrio la motocicletta, sia durante la guida che quando è ferma.

In determinate situazioni, la motocicletta diventerà automaticamente più stabile assicurando al guidatore un livello di sicurezza superiore.

Ogni guidatore, indipendentemente dalle sue capacità e dall'esperienza pratica, potrà aumentare continuamente la propria abilità e intensificare positivamente le proprie esperienze. I novizi verranno accompagnati in modo sicuro attraverso ogni situazione di guida.

Lo scambio di informazioni tra moto e pilota avviene attraverso il visore, un occhiale che proietta le informazioni momentaneamente più importanti, direttamente nel campo visivo del guidatore. Il sistema è dinamico, ovvero i contenuti visualizzati variano a seconda se il pilota alza o abbassa lo sguardo, ma si attiva solo quando è necessario intervenire o quando il guidatore richiede determinate informazioni.foto concept bmw motorrad vision next 100 004

EGUIPAGGIAMENTO ATTIVO PER IL GUIDATORE

Niente indumenti protettivi abbiamo detto, questi ultimi sono invece sostituiti da una leggera tuta che amplifica la sensazione di libertà durante la guida. Un capo in grado di rinfrescare o riscaldare automaticamente il motociclista in funzione della sua temperatura corporea e del numero di battiti cardiaci. Questi parametri vengono rilevati da appositi sensori presenti sulla tuta. La struttura flessibile a nastri di cui è composta quest'ultima, è in grado di supportare e rilassare attivamente il guidatore a seconda della situazione di guida: sportiva, autostradale, cittadina ecc.

L'abbigliamento fornisce inoltre delle indicazioni sulla navigazione, oppure segnala il raggiungimento del campo limite nella guida inclinata, attraverso degli elementi vibranti inseriti nelle maniche e nelle gambe dei pantaloni.

VIDEO BMW MOTORRAD VISION NEXT 100

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Iscriviti alle nostre pagine social

facebook twitter google plus youtube