Moto
Carattere

Fra le tante novità svelate quest'oggi all'Intermot 2016 di Colonia (leggi tutte le info utili per visitare il salone dedicato al mondo delle due ruote), c'è anche lei...la nuova Honda CBR1000RR Fireblade m.y. 2017.

L'introduzione di questa nuova versione della popolarissima superbike giapponese, che Honda propone addirittura in duplice versione (SP e SP2), era ormai diventata indispensabile. A renderla tale, l'obbligo di adeguare il quattro cilindri nipponico alla restrittiva normativa Euro 4, e di dotare la Fireblade dell'acceleratore Ride-by-wire, "conditio sine qua non" per poter partecipare al campionato mondiale Superbike.

Quale migliore occasione allora per rivedere in toto un progetto rimasto sostanzialmente invariato per ben otto anni ? Ecco quindi che Honda ci presenta una moto completamente nuova, tanto nel design quanto nei contenuti che sono ora al livello delle migliori concorrenti quali Ducati, Yamaha e Kawasaki.

Modifiche sostanziali quindi per motore, ciclistica ed elettronica che hanno portato ad un consistente incremento della potenza - ben 11 CV secondo quanto dichiarato dalla stessa Honda - che si attesta ora sui 192CV a 13.000 giri/min, mentre la coppia sale a 116 Nm a 11.000 giri/min. Importante anche il risparmio di peso che è di ben 15 kg, per un peso complessivo di 195 kg in ordine di marcia.

Ma vediamo in dettaglio quali sono le migliorie effettuate dai tecnici della casa dell'ala per riportare al meritato livello di competitività l'iconica Fireblade.foto posteriore honda cbr1000rr fireblade sp 2017

MOTORE PIU' POTENTE

Completamente rivisto, il propulsore della nuova CBR1000RR SP ed SP2 mantiene la tradizionale architettura adottata da Honda sin dalla prima versione della Fireblade, ovvero 4 cilindri in linea frontemarcia.

Per ottenere un consistente aumento della potenza, gli ingegneri della casa di Tokyo hanno lasciato invariati alesaggio e corsa (76 x 55,1 mm), ma aumentato il rapporto di compressione portandolo da 12,3:1 a 13:1 grazie all'impiego di nuovi pistoni. Albero motore, distribuzione e trasmissione utilizzano ora materiali con specifiche superiori rispetto a quelli impiegati sul propulsore della vecchia CBR.

Anche l'alzata delle valvole e la fasatura della distribuzione sono state riviste in funzione del regime massimo di rotazione più elevato e delle maggiori prestazioni del motore.foto motore honda cbr1000rr fireblade sp 2017 001

PESO RIDOTTO ALL'OSSO

Ogni singolo componente del quattro cilindri da 999,8 cc, è stato analizzato per trovare una soluzione in grado di ridurne il peso. A tal proposito tutti i coperchi carter sono stati ridisegnati e realizzati in lega leggera (quello frizione in alluminio, quello del generatore in magnesio), ed è stata inoltre ridotta la lunghezza della viteria, delle tubazioni flessibili e delle fascette di tenuta.

Il radiatore ha guadagnato una nuova forma concava che lo ha reso complessivamente più stretto di 30 mm e più leggero di 100 g. La sua capacità è inferiore di 30 cc, ma grazie alla trama ad alta densità, questo è comunque in grado di fornire una dissipazione efficiente del calore, riducendo al contempo la sezione frontale della moto.

La frizione antisaltellamento è stata completamente riprogettata con componenti pressofusi, ed è stato ridotto lo sforzo di azionamento sulla leva. La funzionalità in scalata è rimasta invariata, ma le camme in acciaio sono state sostituite con delle più leggere unità in alluminio. Anche lo spazio tra le camme in accelerazione/decelerazione è stato ottimizzato, a tutto vantaggio della precisione delle cambiate. Tutti gli ingranaggi della trasmissione sono stati alleggeriti.

Il terminale di scarico a sezione irregolare è in titanio e determina una riduzione di peso di 2,8 kg, contribuendo così alla centralizzazione delle masse.

CICLISTICA MIGLIORATA

Il telaio a doppio trave in alluminio pressofuso è stato modificato per rendere la nuova Fireblade reattiva ma al tempo stesso facile, prevedibile, e stabile. Per ottenere queste caratteristiche sono stati cambiati l'angolo di inclinazione del cannotto di sterzo e la misura dell'avancorsa (23°30'/96 mm).

Le pareti delle travi del telaio, sono ora più sottili e ciò ha permesso una riduzione del peso di ulteriori 300g. Benché la rigidità trasversale sia immutata, la flessibilità torsionale è aumentata del 10%, il momento di inerzia dell'imbardata è stato ridotto del 15% così come quello di rollio del 10%. Sia la versione SP che la SP2 sono dotate di ammortizzatore di sterzo elettronico.foto honda meccanica cbr1000rr fireblade sp 2017 002

Modificato anche il forcellone a struttura ibrida in alluminio: lo spessore di ciascuna delle sue sezioni ha permesso una riduzione di peso di circa 100 g, preservando la rigidità trasversale ma aumentando quella torsionale.

Tutto nuovo il telaietto reggisella, anch'esso realizzato in alluminio pressofuso. Rispetto al precedente è più sottile e leggero (- 800 g) del precedente, ed è al contempo più rigido. La nuova CBR1000RR Fireblade ha un interasse di 1.404 mm, più corto di 6 mm rispetto alla precedente SP.

La nuova Fireblade è la prima sportiva Honda ad essere dotata di un compatto serbatoio in titanio da 16 litri, che pesa 1,3 kg meno rispetto ad un serbatoio di design equivalente ma in acciaio.

Le pinze freno radiali monoblocco a quattro pistoncini Brembo adottano nuove pastiglie ad alto coefficiente di attrito (high-mu), in grado di assicurare migliori prestazioni a temperature elevate rispetto a pastiglie standard.

ELETTRONICA SOFISTICATA

La novità elettronica più attesa su questa nuova Fireblade 2017 è certamente rappresentata dall'introduzione dell'acceleratore Ride-by-wire, obbligatorio per le moto che partecipano al campionato mondiale Superbike.

Derivato dal sistema impiegato sulla RC213V-S, l'acceleratore Throttle by Wire (TBW) della nuova CBR1000RR è costituito da un sensore di posizione acceleratore (Acceleration Position Sensor, APS) integrato nel blocchetto elettrico destro. Il meccanismo all'interno dell'APS riproduce la sensazione naturale del comando a cavo. Per una migliore presa della mano il diametro del comando è stato aumentato di 2 mm (ora 48 mm), senza incrementare la larghezza della manopola.

Sulla nuova Fireblade 2017 arrivano anche le mappe motore, cinque in tutto (di cui una personalizzabile) selezionabili attraverso il Riding Mode Select System (RMSS). Nuovo anche il controllo di trazione Honda Selectable Torque Control (HSTC) regolabile su nove livelli e disinseribile all'occorrenza, che sfrutta la piattaforma inerziale Inertial Measurement Unit (IMU) presente a bordo - sotto la sella - per una maggiore efficacia. Il pilota può ruotare l'acceleratore senza timore di perdite di aderenza o di impennate, sfruttando quello che di fatto è un wheelie control. Sulla nuova Fireblade è possibile gestire anche il freno motore grazie al sistema Selectable Engine Brake (SEB) regolabile su tre livelli.

La moto è dotata di cambio elettronico Quickshifter con funzione Downshift Assist e Autoblipping, ovvero consente l'inserimento e la scalata dei rapporti senza bisogno di premere la frizione.

DESIGN COMPATTO E SLANCIATO

Completamente inedito il design della moto, che è il frutto di lunghe sessioni in galleria del vento. La nuova CBR1000RR Fireblade m.y. 2017 appare slanciata, snella e compatta al tempo stesso. Entrambe le versioni SP ed SP2 sono dotate di impianto luci Full-LED, con i doppi proiettori anteriori dotati di abbaglianti e anabbaglianti su entrambi i lati. La strumentazione, in grado di fornire moltissime indicazioni, è di tipo TFT-LCD a colori. Bellissima la livrea nei tipici colori HRC rosso/bianco/blu. foto cupolino honda cbr1000rr fireblade sp 2017

LE DIFFERENZE CON LA VERSIONE SP2

Visivamente le differenze stanno nella livrea. Il blu presente anche sulla versione SP, sulla SP2 ha una tonalità leggermente più accesa ed è caratterizzato dalla trama carbonio del fondo. La moto è inoltre dotata di una coppia di cerchi Marchesini a sette razze, più leggeri di quelli a cinque razze a Y montati sulla SP.

La carena identica alla versione SP cela un propulsore leggermente modificato: le valvole di aspirazione hanno diametro maggiorato di 1mm (31,5mm) e quelle di scarico di 1,5mm (25,5mm). Cambia anche l’angolo incluso tra le valvole stesse, pari a 10° per quelle di aspirazione e 12° per quelle di scarico (rispetto agli 11°/11° della SP). L’alzata delle valvole è invece invariata, così come la larghezza della testata.

Il rapporto di compressione è il medesimo, 13:1, ma la forma delle valvole e della camera di combustione sono ottimizzati per la massima efficienza in funzione delle prestazioni. Candele più lunghe e passaggi dell’acqua più ravvicinati attorno alla camera di combustione massimizzano il raffreddamento, sfruttando una tecnologia progettuale derivata dalla RC213V MotoGP.foto honda cbr1000rr fireblade sp2 2017

Il cielo dei pistoni sfrutta una conformazione esclusiva con trattamento termico che rinforza l'area attorno al piede di biella, sul quale a sua volta è fissato uno spinotto più corto di 2,5 mm e più leggero di 8 g. Pronto per alloggiare alberi a camme ad alzata maggiorata, il diametro esterno della punteria è maggiorato di 2mm (28mm), mentre l’altezza totale e lo spessore sono stati ridotti per ridurne il peso.

Sulla Fireblade SP2 gli ausili elettronici alla guida sono i medesimi della SP ma con impostazioni esclusive dedicate. Un kit racing composto da numerose parti speciali è disponibile per massimizzare le prestazioni nella guida in circuito.

PREZZI E DISPONIBILITA'

I prezzi e le date di arrivo nelle concessionarie di queste due maxisportive Honda, non sono ancora stati comunicati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Iscriviti alle nostre pagine social

facebook twitter google plus youtube