Moto
Carattere

Dal Giappone con furore arriva la nuovissima Kawasaki Z900RS, omaggio alla Z1 Super Four 900 del 1972: una pietra miliare non solo della storia di Kawasaki, ma di tutto il settore motociclistico. Gli amanti delle moto classiche apprezzeranno dunque questa interessante novità 2018 made in Akashi. 

Vintage nell'estetica, ultramoderna nella sostanza, il motore, e non solo, è il noto quattro cilindri in linea da 948cc della supernaked Z900, che in questa declinazione perde una manciata di cavalli (14 in tutto) per favorire un'esperienza di guida più appagante nell'uso stradale/cittadino.foto kawasaki z900rs arancione 2018

Si passa dunque da 125CV erogati a 9.500 giri/min a 111CV a 8.500 giri/min, mentre la coppia, pressocchè identica (circa 98 Nm), viene erogata 1.200 giri più in basso rispetto alla Z900 ( 6.500 giri/min). Il propulsore è stato rivisto anche nell'aspetto per adeguarsi allo stile classico della moto: le scanalature presenti nella testata, ricordano le tipiche alette dei motori raffreddati ad aria, ma qui c'è naturalmente il raffreddamento a liquido.

Ogni coperchio carter è stato ridisegnato, così come lo scarico, rimpiazzato ora da una bella unità 4-2-1 interamente cromata. Per la prima volta i tecnici Kawasaki si sono inoltre cimentati nella progettazione vera e propria del suono (Sound Design) di questo quattro cilindri giapponese, al fine di renderlo il più coinvolgente possibile. Al pari della "sorella" Z900, il motore della RS è dotato di frizione assistita, che favorisce un minore sforzo alla leva, e antisaltellamento.foto motore sx kawasaki z900rs 2018

La ciclistica della Kawasaki Z900RS - dove la sigla RS sta per “Retro Sport” -, si basa su un telaio a traliccio di tubi in acciaio altoresistenziale anch'esso derivato da quello della Z900, dal quale differisce però nella struttura posteriore. Identico invece il forcellone bibraccio a sezione rettangolare realizzato in lega di alluminio. Il comparto sospensioni vede l'impiego di una forcella anteriore a steli rovesciati (41 mm di diametro) di ultima generazione, regolabile nell'idraulica e nel precarico molla, e di un monoammortizzatore posteriore back-link orizzontale a gas, con regolazione dello smorzamento in estensione e del precarico della molla.

Decisione che farà (forse) storcere il naso ai puristi del mondo classic, quella di non montare i cerchi a raggi. La moto è infatti equipaggiata con una coppia di ruote in lega dal design comunque classico. L'impianto frenante, anch'esso di ultima generazione, differisce da quello della Z900 e si compone di un tris di dischi con le due unità anteriori di tipo semi-flottante aventi diametro di 300 mm, mentrè per la singola unità posteriore il diametro scende a 250mm. All'avantreno lavorano pinze monoblocco a 4 pistoncini contrapposti con attacco radiale, azionate da una pompa radiale Nissin al manubrio. Il posteriore è invece servito da una pinza a pistoncino singolo.

Completano la dotazione di serie, la bella strumentazione di tipo analogico/digitale, composta da un display LCD multifunzione centrale collocato in mezzo a due elementi circolari (tachimetro a sx e contagiri a dx), e i fari a LED anteriori e posteriori. Presente l’Economical Riding Indicator, ovvero una spia sul cruscotto che indica quando il proprio stile di quida è favorevole in termini di risparmio di carburante. Kawasaki dichiara una capienza massima di 17 lt per il serbatoio della benzina, mentre il peso in ordine di marcia è di 215 kg. foto strumentazione kawasaki z900rs 2018

La nuova Kawasaki Z900RS sarà disponibile in tre colorazioni: un evocativo Candytone Brown/Candytone Orange, omaggio alla Z1 900, un classico nero (Metallic Spark Black) con dettagli dorati e argentati, ed un più moderno ma intramontabile verde (Metallic Matte Covert Green/Flat Ebony) impreziosito da loghi “900” sui pannelli laterali. La moto insieme a tutta la gamma Kawasaki 2018, sarà esposta al salone EICMA 2017 di Milano dal 9 al 12 novembre prossimi. In quell'occasione dovrebbe anche essere rivelato il prezzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Iscriviti alle nostre pagine social

facebook twitter google plus youtube