Moto
Carattere

Triumph completa la sua gamma Modern Classic con la nuova Bonneville Speedmaster: stile custom tipicamente inglese e posizione di guida cruiser.

La base di partenza è quella della recente Bobber, uno dei modelli più "fortunati" della casa di Hinckley, dalla quale eredita la ciclistica e la motorizzazione. Il cuore della nuova Speedmaster è dunque il bicilindrico High Torque 1200 cc da 106 Nm di coppia a 4000 giri/min (il 42% in più rispetto alla precedente Speedmaster) e 77 CV di potenza massima a 6100 giri/min. A dar voce a questo propulsore dotato di iniezione elettronica e cambio a sei marce, è un gradevole impianto di scarico in acciaio cromato con terminali a fetta di salame, che termina il suo percorso in corrispondenza della pinza freno posteriore.foto motore high torque triumph bonneville speedmaster 2018

L'elettronica di bordo permette di gestire in tutta sicurezza l'esuberanza del propulsore inglese: due i riding mode che il pilota può selezionare per adeguare l'erogazione alle condizioni di guida: Road e Rain. C'è inoltre il controllo di trazione (disinseribile all'occorrenza), l'ABS e il Cruise Control con comando al manubrio.

La strumentazione di bordo, costituita da un elegante elemento centrale circolare che racchiude il tachimetro analogico, un display multifunzione e le varie spie di servizio, permette di gestire al meglio il tutto. A differenza di quella installata sulla "sorella" Bobber questa non può però essere orientata.foto strumentazione triumph bonneville speedmaster 2018

Il telaio della nuova Bonneville Speedmaster è costituito dall'ormai collaudata struttura a doppia culla in acciaio tubolare. Il comparto sospensioni vede invece l'impiego di una forcella KYB con steli da 41 mm di diametro all'anteriore, mentre al posteriore è stato installato un monoammortizzatore anch'esso KYB dotato di ghiera per la regolazione del precarico molla. Essendo collocato sotto la sella, quest'ultimo contribuisce a rendere più pulite le linee della moto, conferendo alla stessa un aspetto tipicamente hardtail.

Per un motore così generoso, occorre un impianto frenante altrettanto generoso: l'avantreno è servito da due dischi aventi diamentro di 310 mm e pinze flottanti Brembo a doppio pistoncino. Dietro c'è invece un disco singolo da 255 mm sul quale lavora una pinza Nissin anch'essa flottante. Le ruote a raggi (32) sono da 16 pollici e montano pneumatici Avon Cobra appositamente realizzati per questa moto.

Rispetto alla Bobber la nuova Speedmaster è caratterizzata da una posizione di guida più comoda, e dunque votata al turismo. Le pedane sono avanzate, il manubrio arretrato “beach bar”, la sella del guidatore ha una conformazione diversa e imbottitura più generosa. La dotazione di serie comprende anche la sella e il maniglione in acciaio per il passeggero, entrambi removibili per trasformare all'occorrenza la Bonneville Speedmaster in una accattivante monoposto. Il serbatoio ha una capienza massima di 12 litri, mentre il peso a secco dichiarato della moto è di 145 kg. foto sella triumph bonneville speedmaster 2018

La dotazione di serie si completa con i fari full led anteriori, tuttavia non manca la possibilità di cucirsela addosso questa Bonneville Speedmaster, attingendo al corposo catalogo accessori composto da ben 130 componenti fra scarichi, pedane, borse, paramotore, parabrezza ecc. Disponibile naturalmente anche una linea di abbigliamento dedicata che comprende: quattro t-shirt, una giacca casual trapuntata, una camicia a quadri e una felpa con cappuccio.

La Bonneville Speedmaster sarà disponibile nelle tre colorazioni Jet Black, Cranberry Red, Fusion White/Phantom Black con doppia finitura dipinta a mano. La moto sarà esposta presso lo stand Triumph a EICMA 2017. Il prezzo non è stato ancora comunicato.foto triumph bonneville speedmaster cranberry red 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Iscriviti alle nostre pagine social

facebook twitter google plus youtube