Moto
Carattere

Il 2017, mototociclisticamente parlando, sarà probabilmente ricordato per il ritorno sul mercato della Ducati SuperSport, ma anche per il debutto di alcuni modelli rivoluzionari, ovvero dotati di soluzioni tecniche mai viste prima su motociclette prodotte in serie.

Se ci avete seguito con attenzione nel mese di novembre, avrete già capito che stiamo parlando della Ducati 1299 Superleggera e della BMW HP4 Race.

Mentre la prima fu presentata alla stampa internazionale in veste definitiva, quindi pronta alla produzione e commercializzazione, la seconda fu annunciata a sorpresa dal Gruppo tedesco e mostrata al pubblico dell'EICMA 2016 in versione concept. Nessuna indiscrezione tecnica fu rivelata durante la conferenza stampa tenuta da Stephan Schaller, CEO della casa motociclistica tedesca, solo che la moto avrebbe avuto telaio, cerchi e carenatura completamente in fibra di carbonio.

In anticipo rispetto a quanto dichiarato in quell'occasione dal manager tedesco, la casa dell'elica ha svelato la versione definitiva della sua HP4 Race (il nome è rimasto invariato), annunciando che sarà prodotta in soli 750 esemplari, e costruita a mano da un piccolo team di tecnici altamente specializzati. Vediamo in dettaglio quali sono le caratteristiche tecniche dell'unica moto in grado di sfidare la Ducati 1299 Superleggera.

TELAIO E RUOTE IN LEGGERISSIMO CARBONIO

Cominciamo con quella che è certamente la parte più innovativa della moto, ovvero il telaio. La struttura principale è di tipo monoscocca RTM realizzata in materiale composito, nello specifico si tratta di fibra di carbonio, materiale estremamente leggero e resistente (il peso è di soli 7,8 chilogrammi) e utilizzato anche per la realizzazione dei cerchi a 7 razze. Questi pesano il 30% circa in meno dei tradizionali cerchi fucinati, pur mantenendo le stesse caratteristiche di rigidezza.foto telaio carbonio bmw hp4 race 2017

SOSPENSIONI E FRENI DERIVATE DAL MONDIALE SUPERBIKE

L'equipaggiamento della BMW HP4 Race è davvero al top e molti dei componenti sono gli stessi impiegati sulle moto che partecipano ai Campionati MotoGP e Superbike. Sia la forcella upside-down del tipo FGR 300 che il monoammortizzatore tipo TTX 36 GP, sono prodotti dalla svedese Öhlins. Il forcellone posteriore con capriata di irrigidimento rovesciata è realizzato in lega di alluminio ed è composto da elementi fresati e in lamiera. 

Per quanto riguarda i freni, anche qui BMW ha scelto il top: Brembo GP4 PR ! Si tratta di un tris di pinze monolitiche in alluminio con trattamento superficiale al nichel, dotate di leggeri pistoni in titanio con trattamento superficiale che ne aumenta la scorrevolezza. Le pinze sono abbinate a dischi Racing T-Type da 6,75 mm di spessore e 320 mm di diametro.foto avantreno bmw hp4 race 2017

MOTORE E CAMBIO DA CORSA

Il propulsore della HP4 Race, è il 4 cilindri in linea 16 valvole raffreddato a liquido, con doppio albero a camme in testa di derivazione S 1000 RR. In questa versione - più performante (215 CV a 13900 g/min) - ci sono le bielle Pankl e un nuovo albero motore alleggerito. Questa unità, molto vicina alle specifiche 6.2 e 7.2 del Campionato Mondiale Endurance e Superbike, eroga una coppia massima di 120 Nm a 10.000 g/min. Rispetto alla "sorella stradale", il propulsore della HP4 Race può raggiungere un regime massimo di rotazione più elevato (14.200 contro 14.500 g/min).

Vista l'indole sportiva, la moto è inoltre dotata di cambio da corsa a sei marce “closeratio” dai rapporti ottimizzati, e sarà venduta con differenti trasmissioni secondarie (pignoni e ruote dentate per la catena). 

ELETTRONICA AL TOP

La nuova BMW HP4 Race è equipaggiata con un ampio pacchetto di sistemi elettronici di regolazione e di assistenza nonché con un impianto elettrico di bordo a peso ottimizzato, sviluppato appositamente per le corse. Il 2D dashboard con memoria dati leggibile (2D logger) fornisce numerose informazioni. Dynamic Traction Control DTC, Engine Brake EBR e Wheelie Control, completi di avvertimento acustico e controllati dall’elettronica, offrono numerose possibilità di taratura in base alle caratteristiche del percorso e alle condizioni del fondo stradale.foto strumentazione bmw hp4 race 2017

I sistemi sono programmabili secondo le richieste del pilota in dipendenza della marcia selezionata e permettono di sfruttare in modo ottimale l’enorme potenziale di dinamica di guida della nuova HP4 Race. Ulteriori soluzioni elettroniche sono il Pit-Lane-Limiter che provvede a rispettare i limiti di velocità nella corsia dei box e il Launch Control che assicura delle partenze da corsa perfette.

ANCHE L'ABITO FA IL MONACO !

La BMW HP4 Race è vestita con una leggerissima carenatura in carbonio che contribuisce, insieme al telaio e ai cerchi, a contenere il peso della moto in 171 kg con il pieno di benzina. La sportiva tedesca è quindi più leggera delle attuali Superbike e pesa poco di più delle motociclette ufficiali di MotoGP. Il serbatoio è in alluminio spazzolato a mano e rifinito con una vernice trasparente.foto bmw hp4 race 2017 001

PREZZO PER POCHI 

La moto, destinata all'uso esclusivo in pista, sarà proposta nella sola colorazione BMW HP Motorsport  (bianco, blu e rosso, con ampie superfici in carbonio a vista). Il prezzo annunciato per l'Italia è di 80.000 €, la stessa cifra che occorre per portare a casa uno dei 500 esemplari prodotti della Ducati 1299 Superleggera.

BMW HAP4 RACE IN SINTESI 

  • Telaio in carbonio in costruzione monoscocca dal peso di solo 7,8 chilogrammi;
  • Telaio reggisella autoportante in carbonio, regolabile in altezza in tre posizioni;
  • Cerchi in carbonio dal peso ridotto del 30 per cento circa rispetto ai cerchi in lega fucinati;
  • Forcella Öhlins upside-down del tipo FGR 300;
  • Ammortizzatore Öhlins del tipo TTX 36 GP;
  • Pinze freno Monoblocco Brembo del tipo GP4 PR in combinazione con dischi freno anteriori in acciaio T-Type Racing 320 (spessore: 6,75 mm);
  • Motore da competizione a livello di Campionato mondiale dalla potenza di 158 kW (215 CV) a 13.900 g/min e coppia massima di 120 Nm a 10.000 g/min;
  • Cambio da corsa “close-ratio” dai rapporti adattati;
  • Impianto elettrico a peso ottimizzato con leggera batteria agli ioni di litio da 5 Ah;
  • Dashboard 2D e Data Recording 2D, incluso il logger;
  • Dynamic Traction Control DTC (programmabile a15 livelli in base al rapporto selezionato);
  • Engine Brake EBR (programmabile in 15 livelli in base al rapport selezionato);
  • Wheelie Control (programmabile in base al rapporto selezionato);
  • Launch Control;
  • Pit-Lane-Limiter;
  • Componenti leggeri in carbonio a chiusure veloci;
  • Verniciatura nei colori BMW HP Motorsport;
  • Produzione a carattere manifatturiero limitata a 750 esemplari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA