Superbike
Carattere

Meteo capriccioso e squadre nel caos sulla griglia di partenza, dove solo Davies ha deciso di azzardare l'uso delle gomme intermedie in vista di una gara a metà fra bagnato e asciutto, mentre gli altri mettevano in conto un pit stop per rimpiazzare le rain con le slick appena l'asfalto si sarebbe asciugato.

Una scelta coraggiosa quella di Chaz che ha dato i frutti sperati a partire da metà gara in poi, quando il gallese della Ducati, che in fase di avvio era scivolato dalla terza (leggi i risultati della Superpole di stamattina) alla tredicesima posizione, ha iniziato una rimonta inarrestabile verso la testa della classifica. Davies si è piazzato al comando durante il sedicesimo dei ventuno giri previsti, e vi è rimasto fino al traguardo tagliato con circa dieci secondi di vantaggio sul secondo classificato, Michael Van der Mark.

L'olandese, che con il tracciato francese (bagnato o asciutto che sia) ha un ottimo feeling, è stato fra i primi ad effettuare il pit stop per il cambio gomme: viaggiava in sesta posizione quando al nono giro ha mollato la compagnia per montare le slick. Al rientro Michael era tredicesimo, ma da li in poi è stato un crescendo che gli ha permesso di raccogliere questo meritatissimo risultato odierno, e di consolidare il quarto posto in classifica generale.foto wsbk magny cours 2016 van der mark gara 1

Deludono un pò le due Kawasaki che nonostante il buon inizio - Sykes e Rea sono rimasti in testa alla corsa, l'uno nella scia dell'altro fino al settimo giro - ad un certo punto hanno dovuto cedere il passo prima a Camier e poi a Savadori. I due compagni di squadra hanno effettuato il cambio gomme all'undicesima tornata e una volta rientrati in pista hanno iniziato una rimonta stroncata una decina di giri più tardi dalla bandiera a scacchi, mentre erano in terza e quarta posizione.

Camier e Savadori, hanno invece deciso di non effettuare il pit stop e di portare a termine l'intera gara con le rain. Strepitosa la performance di entrambi i piloti con il britannico che in sella alla MV Agusta F4 è rimasto al comando per ben sei giri, prima di cedere il testimone al coriaceo rivale del team IodaRacing, e di scivolare poi in settima posizione.

Lorenzo ha invece guidato la classifica per un giro intero, ma è poi stato superato dalle Kawasaki ufficiali di Sykes e Rea, rianimate dal cambio gomme. Per lui la gara si è conclusa con un buon quinto posto che conferma le sue grandi capacità di guida anche in situazioni così difficili.  

In mezzo al duo italo-britannico ci si è infilato Matthieu Lagrive, tre volte iridato dell'Endurance e specialista del tracciato francese, che ha disputato l'intera gara con una gomma rain all'anteriore e una intermedia al posteriore. foto wsbk magny cours 2016 sykes gara 1

Forès, Guintoli e De Angelis hanno invece raccolto rispettivamente l'ottava, nona e decima piazza. Deludente la performance del francese del Pata Yamaha Official WorldSBK Team, per il quale, viste le grandi capacità di guida su asfalto bagnato ci si aspettava almeno una quinta piazza. E' andata peggio a Lowes (11°), Torres (14°), Scassa (15°), Reiterberger (17°) e Vizziello (21°) nonostante le coperture intermedie.

Non ha visto la bandiera a scacchi lo statunitense Nicky Hayden, secondo portacolori dell'Honda World Superbike Team, costretto a rientrare ai box durante il nono giro per un problema tecnico alla sua CBR1000RR SP.

Domani la seconda e ultima gara di questo undicesimo round del Mondiale Superbike 2016, con il via alle ore 13:00 italiane in punto.

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

Chaz Davies - Aruba.it Racing - Ducati 1°: "Ho cercato di fare una scelta ragionata, visto che in passato non abbiamo scelto la strategia migliore in situazioni simili. Sapevo che avremmo sofferto a inizio gara ma saremmo stati ricompensati. Alla partenza ho cercato semplicemente di restare in sella, sembrava di guidare sul ghiaccio in alcuni tratti ma la pista si è asciugata in fretta, e quando ho visto il distacco dai primi ho capito di potercela fare. È stato divertente rimontare, ci sono stati molti sorpassi. Domani il meteo dovrebbe essere migliore ed abbiamo buone possibilità sull’asciutto, anche se ci resta qualcosa da migliorare."

Michael Van der Mark - Honda World Superbike Team 2°: "Che corsa folle ! La pista ha iniziato ad asciugarsi prima che la gara iniziasse, e reso la scelta delle gomme abbastanza difficile. Dopo il giro di allineamento ho deciso di lasciare le gomme da bagnato, perché non ero sicuro che la pista fosse abbastanza asciutta per le intermedie. Ho fatto una buona partenza e combattuto sin dai primi giri, ma in rettilineo non avevo abbastanza velocità così ho deciso di calmarmi, fare un giro e poi tornare ai box per il cambio gomme. La mia decisione si è rivelata giusta e soprattutto ho scelto il momento giusto. Faccio i complimenti a Chaz per la vittoria, ha fatto una gara perfetta. Sono estremamente contento del mio secondo posto; è bello tornare sul podio e consolidare il quarto posto in classifica."

Tom Sykes - Kawasaki Racing Team 3°: "E'stata una gara molto difficile. Alcuni piloti sono partiti con le intermedie e alcuni con le rain. Io ho scelto queste ultime per essere un po' più sicuro nei primi giri. Chaz ha invece scelto le intermedie, e questo lo ha pagato negli ultimi giri. Penso che abbiamo fatto una buona gara, considerando il pit stop. I tempi sul giro erano davvero buoni rispetto agli altri. Sono contento di essere sul podio con queste condizioni così difficili. Spero che la gara di domani sia asciutta così potremo ottenere un risultato migliore. Comunque siamo andati bene, sia in condizioni di pista bagnata che di pista asciutta, quindi siamo pronti ad affrontare qualsiasi situazione meteorologica. I problemi sorgono quando il tempo è incerto perchè non ci permette di ottenere un setup perfetto."

WSBK MAGNY-COURS 2016 - CLASSIFICA GARA 1

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti alle nostre pagine social

facebook twitter google plus youtube

banner motul superbike

CALENDARIO GARE 2017

Round 1 - 24/26 febbraio - Phillip Island

Round 2 - 10/12 marzo - Chang

Round 3 - 31 mar./02 apr. - Aragòn

Round 4 - 28/30 aprile - Assen

Round 5 - 12/14 maggio - Imola

Round 6 - 26/28 maggio - Donington

Round 7 - 16/18 giugno - Misano

Round 8 - 07/09 luglio - Laguna Seca

Round 9 - 18/20 agosto - Lausitzring

Round 10 - 15/17 settembre - Algarve

Round 11 - 29 sett./01 ott. - Magny-Cours

Round 12 - 20/22 ott. - Jerez

Round 13 - 02/04 novembre - Losail

 Attenzione: il calendario potrebbe subire delle modifiche a stagione in corso.