Superbike
Carattere

La Yamaha M1 di Valentino Rossi e Jorge Lorenzo non è stata l’unica protagonista della giornata di ieri. Presso la Torre Telefónica Diagonal 00 di Barcellona, teatro della conferenza stampa Yamaha Movistar MotoGP, la casa dei tre diapason ha infatti presentato tutti i team e le relative moto che nel 2016 prenderanno parte ai campionati più prestigiosi delle varie discipline agonistiche riservate alle due ruote.

Naturalmente fra le squadre più importanti ed attese c'era il team Crescent Pata Yamaha con il quale la casa giapponese ritorna nel campionato delle derivate di serie, a quattro anni di distanza dal ritiro. Presenti all'evento i due piloti incaricati di far debuttare in gara la nuova R1, ovvero il campione del mondo WSBK 2014 Sylvain Guintoli e il campione BSB 2013 Alex Lowes, accompagnati sul palco da Andrea Dosoli, Road Racing Project Manager per Yamaha Motor Europe e a Paul Denning, Team Principal.

Ma gli occhi dei presenti naturalmente erano tutti per lei, la Yamaha YZF-R1 in configurazione WSBK, alla quale sono stati finalmente tolti i veli. Una moto tanto bella quanto efficace (a discapito della sua giovinezza) fra i cordoli, come peraltro confermato dai due piloti che hanno avuto modo di provarla nel mese di novembre, attraverso una breve presa di contatto durante la tre giorni di test a Jerez de La Frontera.foto yamaha yzf r1 sbk 2016 pata 001

"Chi ben comincia è a metà dell’opera !" recita un noto proverbio italiano e così cresce l’ottimismo e la voglia di riscatto dopo una stagione 2015 poco esaltante per i due nuovi portacolori Yamaha :

"Siamo molto in anticipo sullo sviluppo per la stagione 2016, tutto è andato bene nelle prime prove e stiamo proseguendo – ha dichiarato Sylvain GuintoliAbbiamo nuove parti da testare e un interessante lavoro che ci attende, è molto esaltante. Ho avuto una grande sensazione guidando la R1, mi ha ricordato tanto la M1 (MotoGP) come carattere e il DNA; mi son sentito un po’ in "Ritorno al Futuro". Avevo tante aspettative la prima volta in sella alla M1 ed è stata una sensazione fantastica. Anche adesso ne abbiamo ma non vogliamo sottovalutare i nostri avversari che sono molto forti. Sarà una sfida in crescendo questo 2016 e speriamo di ottenere un paio di podi. Ognuno di noi spera segretamente che saremo i più veloci ma stiamo parlando di una moto nuova al primo anno, quindi dobbiamo cercare di essere anche realisti. Però... Proviamo a sognare!".foto guintoli yamaha yzf r1 sbk 2016 pata 002

Anche Alex Lowes si è detto entusiasta della nuova cavalcatura : "La prima volta che ho provato la moto era ottima. Non sai mai cosa aspettarti quando sali in sella... Ho fatto tre giri e ho pensato 'è fantastica !' e poi 'dobbiamo fare di questa moto il mezzo per lottare nella corsa al titolo'. Ducati e Kawasaki sono altamente competitive, non si possono sottovalutare. Un grande lavoro ci attende ma anche la consapevolezza che abbiamo una moto al loro livello. Sono in sella a una due ruote che dalla griglia di partenza a Phillip Island a quella del Qatar può solo migliorare. Come pilota è un’idea fantastica da pensare".foto lowes yamaha yzf r1 sbk 2016 pata 002

Per entrambi i piloti questa nuova avventura con Yamaha è una grande occasione, è normale quindi che il loro entusiasmo vada alle stelle, ma la YZF-R1 (leggi la storia di queso modello) necessita ancora di tanto sviluppo e il 2016 si preannuncia per forza di cose come un anno di "apprendistato" : "Sappiamo che il 2016 sarà una stagione di avvicinamento per noi – ha dichiarato Andrea Dosolivogliamo affrontare questa sfida passo dopo passo e prima di tutto vorremmo capire il nostro livello rispetto ai migliori. Siamo consapevoli di quanto sia difficile questa competizione, insieme a tutti i nostri partner e alla casa madre in Giappone abbiamo stilato un piano chiaro e dettagliato che ci porti, come ho detto prima, tappa dopo tappa a migliorare la nostra competitività. La moto ha un grandissimo potenziale".foto yamaha yzf r1 sbk 2016 pata 002

Per avere ulteriori riscontri, soprattutto cronometrici, dato che sono quelli che contano maggiormente, non ci resta che attendere i prossimi test ufficiali in programma a Phillip Island lunedi 22 febbraio, appena sette giorni prima dell'inizio del campionato 2016.

VIDEO TEASER CRESCENT PATA YAMAHA YZF-R1

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti alle nostre pagine social

facebook twitter google plus youtube

banner motul superbike

CALENDARIO GARE 2017

Round 1 - 24/26 febbraio - Phillip Island

Round 2 - 10/12 marzo - Chang

Round 3 - 31 mar./02 apr. - Aragòn

Round 4 - 28/30 aprile - Assen

Round 5 - 12/14 maggio - Imola

Round 6 - 26/28 maggio - Donington

Round 7 - 16/18 giugno - Misano

Round 8 - 07/09 luglio - Laguna Seca

Round 9 - 18/20 agosto - Lausitzring

Round 10 - 15/17 settembre - Algarve

Round 11 - 29 sett./01 ott. - Magny-Cours

Round 12 - 20/22 ott. - Jerez

Round 13 - 02/04 novembre - Losail

 Attenzione: il calendario potrebbe subire delle modifiche a stagione in corso.