Superbike
Carattere

Vittoria in solitaria per Jonathan Rea a Jerez de la Frontera, quinta doppietta stagionale per il fuoriclasse nordirlandese, e terzo titolo costruttori consecutivo per Kawasaki. Due Ducati sul podio con Melandri secondo e Davies terzo.

Pronti via, prima staccata, contatto fra Davies e Laverty, entrambi finiscono a terra. I due si rialzano subito e il gallese del team Aruba rientra pure in pista, ma la corsa viene interrotta dall'esposizione della bandiera rossa. Partenza annullata.

Una misura precauzionale voluta per consentire al personale addetto di rimuovere i detriti e l'eventuale olio presenti in pista. Una decina di minuti la pausa programmata dalla Race Direction: i team dei due piloti protagonisti dell'incidente l'hanno dunque sfruttata per ripristinare al meglio le moto.

Delle due l'Aprilia di Laverty era quella messa peggio, il tempo a disposizione non è bastato al team Milwaukee per riparare completamente i danni, ma il francese è comunque riuscito a partire - seppur in extremis - dai box, in ultima posizione. Al via, come al solito, Jonathan Rea è scattato a fionda dalla nona casella, e al termine del primo giro era già al comando della corsa, pronto per l'ennesima gara in solitaria.

Con un ritmo incredibile, Rea è riuscito ad accumulare un vantaggio superiore ai 4" (4.30" in chiusura del 15° giro), concretizzando dunque la 52esima vittoria in carriera, stesso numero di successi ottenuti dall'australiano Troy Bayliss. Nei box Kawasaki si festeggia anche un altro importante traguardo raggiunto, ovvero il terzo titolo costruttori consecutivo vinto dalla ZX-10RR.

Ma tornando a quanto successo in pista: alle spalle del vincitore, le attenzioni si sono concentrate su Marco Melandri, veloce tanto quanto ieri, ma penalizzato da un regolamento che lo ha costretto a partire dalla decima casella, in virtù dello zero rimediato in gara 1. Come dire, oltre al danno anche la beffa.

Nella sua rimonta Marco è stato rallentato prima da un coriaceo Van der Mark, che lo ha peraltro indotto in almeno un paio d'errori, poi dal compagno di squadra Davies. Solo al diciottesimo giro il ravennate è riuscito a portarsi in seconda posizione, ma Rea era ormai lontano. Il ducatista si è dunque dovuto accontentare della piazza d'onore, mancando ancora una volta una vittoria ampiamente alla sua portata. Con il terzo posto odierno, Chaz Davies, raggiunge (l'anonimo) Tom Sykes (solo 5° oggi) nella lotta per il secondo posto in campionato. Entrambi sono ora a quota 363 punti.foto wsbk melandri gara 2 jerez 2017

Un'altra gara positiva per il team Pata Yamaha, con Lowes quarto e Van der Mark sesto, risultati che parlano chiaro: la R1 sembra ormai matura e pronta a giocarsi il podio con le Ducati. Forès, Guintoli e Mercado completano la top ten.

Continuano invece le difficoltà del team Red Bull Honda: Takahashi ha chiuso in quindicesima posizione, Giugliano in diciassettesima. Quest'ultimo ad un certo punto della gara è anche rientrato ai box per sistemare qualcosa sulla CBR1000RR. Quest'oggi è però andata peggio a Lorenzo Savadori, caduto al primo giro.

Il cesenate è riuscito a ripartire, ma i danni alla moto non gli hanno permesso di recuperare posizioni: ha quindi concluso al diciottesimo posto in classifica.

Non ha invece visto il traguardo Eugene Laverty, costretto al ritiro per i danni riportati a seguito del contatto con Davies subito dopo la prima partenza.

Il prossimo appuntamento con il mondiale Superbike è fissato per il week end del 4 novembre con il tredicesimo (ultimo) round stagionale, in programma sul circuito qatariota di Losail.

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

Jonathan Rea - Kawasaki Racing Team 1°: "Dieci anni fa Troy Bayliss per me era un eroe pazzesco ! Avere ora lo stesso numero di vittorie nel campionato è una cosa incredibile. Non abbiamo solo cambiato la gomma anteriore, abbiamo mantenuto la posteriore perchè invece si è comportata benissimo durante tutta la gara. Sono molto grato a Pirelli perchè è andata molto, molto bene, ma devo ringraziare Perry che mi ha convinto a utilizzare la morbida davanti. Mi ha convinto a fare questa modifica che non avrei mai osato fare, e quindi devo davvero rendere grazie a lui."

Marco Melandri - Aruba.it Racing - Ducati 2°: "Sapevo che non dovevo far scappare Rea all'inizio. Sono partito aggressivo, ho fatto dei bei sorpassi. Poi, purtroppo, quando volevo suprare Van der Mark, lui ha voluto chiudere la linea a tutti i costi e sono andato largo perchè non sono riuscito a girare. Dopo non riuscivo a frenare e a passare, ero veloce ma non riuscendo a passare ho perso un sacco di tempo. Ho fatto tanti errori, quindi...meglio di così non potevo fare ! Ringrazio tutti i ragazzi di Aruba Ducati, perchè hanno fatto davvero un grande lavoro. Questo regolamento non mi fa impazzire, nemmeno quando parto in pole perchè finisco quarto in gara 1, e oggi ancora di più. Gran bella gara, devo essere contento ma, quando hai la velocità per vincere e non riesci a concretizzare, girano le scatole !"

Chaz Davies - Aruba.it Racing - Ducati 3°: "Sono molto soddisfatto perchè questa gara non è stata facile. Abbiamo lavorato per tirar fuori qualcosa di buono, ma in linea generale il week end è stato difficile. All'inizio sono andato fuori, ho trovato le due Aprilia di Eugene e Lorenzo, sono caduto ma fortunatamente hanno dato la bandiera rossa così ho potuto fare la seconda partenza. L'obbiettivo era essere molto aggressivo nei primi due giri, poi trovare una buona posizione per controllare la gara. Non è stato un week end facile, però sono contento perchè questo è il miglior risultato possibile per noi. Ringrazio la mia squadra perchè ha lavorato tanto questo fine settimana."

WSBK JEREZ 2017 - CLASSIFICA GARA 2

WSBK 2017 - CLASSIFICA CAMPIONATO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Iscriviti alle nostre pagine social

facebook twitter google plus youtube

banner motul superbike

CALENDARIO GARE 2017

Round 1 - 24/26 febbraio - Phillip Island

Round 2 - 10/12 marzo - Chang

Round 3 - 31 mar./02 apr. - Aragòn

Round 4 - 28/30 aprile - Assen

Round 5 - 12/14 maggio - Imola

Round 6 - 26/28 maggio - Donington

Round 7 - 16/18 giugno - Misano

Round 8 - 07/09 luglio - Laguna Seca

Round 9 - 18/20 agosto - Lausitzring

Round 10 - 15/17 settembre - Algarve

Round 11 - 29 sett./01 ott. - Magny-Cours

Round 12 - 20/22 ott. - Jerez

Round 13 - 02/04 novembre - Losail

 Attenzione: il calendario potrebbe subire delle modifiche a stagione in corso.