Superbike
Carattere

Gara ad eliminazione che ha visto un sorprendente Michel Van der Mark al comando fino al 14º dei 21 giri previsti, poi l'inaspettata caduta, pare causata dall'improvviso afflosciamento della gomma posteriore montata sulla sua Yamaha. 

Nessuna conseguenza fisica per il giovane olandese al terzo anno di superbike, ma certamente una grossa delusione perchè la vittoria sembrava davvero alla sua portata oggi, merito anche dei recenti test svolti proprio al Marco Simoncelli di Misano. Domani in gara 2 Michael avrà una seconda possibilità, ma certamente per lui sarà più difficile perchè in virtù del nuovo regolamento dovrà partire dalla dodicesima casella dello schieramento. Per il numero sessanta quindi si prospetta una gara tutta in salita.

A raccogliere il testimone lasciato dal talentuoso alfiere Yamaha è stato - manco a dirlo - Jonathan Rea che in quel momento occupava la seconda posizione, benchè braccato da Chaz Davies e Marco Melandri. Cinque tornate più tardi però il duo Ducati rompeva ogni indugio e superava il leader del mondiale animando, con continui scambi di posizione, una serratissima lotta finale a tre per la vittoria.

Durante l'ultimo giro Rea riusciva a recuperare la seconda posizione alle spalle di Davies, poi ecco il secondo colpo di scena: Melandri scivolava improvvisamente a terra, lasciando la terza piazza nelle mani di Sykes. Qualche curva dopo la stessa sorte toccava a Davies che veniva inevitabilmente investito da Rea.

Dolorante il gallese veniva trasportato prima al centro medico, poi all'Ospedale di Rimini per controlli approfonditi, mentre la corsa si concludeva con Tom Sykes vincitore davanti al connazionale Alex Lowes (2°) e al compagno di squadra Jonathan Rea (3°), che dopo la caduta è riuscito in un lampo a ripartire, limitando i danni con un buon terzo posto finale.

A raccogliere un soddisfacente quarto posto il bravissimo Jordi Torres, autore di una bella rimonta dall'undicesima posizione, che domani in gara 2 scatterà dalla pole position. Alle spalle dell'alfiere Althea, lo spagnolo Forès chiude la top five davanti al francese Laverty (6°) su Aprilia Milwaukee, e allo svizzero Krummenacher (7°).

Si conclude invece con il nono posto la prima manche del round di casa per Lorenzo Savadori, alla guida di una poco competitiva Aprilia RSV4 RF, mentre in decima posizione troviamo un altro pilota tricolore, il napoletano Raffaele De Rosa.

Gara sotto le aspettative quella di Leon Camier, solo undicesimo dopo il sesto tempo registrato stamattina in superpole (leggi com'è andata). Alle sue spalle troviamo invece il sammarinese Alex De Angelis (12°) seguito da Alex Badovini (13°). Dopo la clamorosa caduta Melandri è riuscito a ripartire, ed a tagliare quindi il traguardo in quindicesima (ultima) posizione aggiungendo così un punto ai 137 conquistati in campionato.

Oltre a Van der Mark e Davies, non hanno visto la bandiera a scacchi, Bradl, Russo, Mercado e il riminese Fabio Menghi.

Domani alle ore 13:00 la seconda ed ultima manche, con lo schieramento di partenza che sarà definito dai risultati della gara odierna secondo il seguente schema:

  • I tre piloti più veloci occuperanno la terza fila e il 1° e il 3° scambieranno le loro posizioni;
  • I piloti che hanno concluso al 4°, 5° e 6° posto saranno in prima fila;
  • I piloti che hanno terminato al 7°, 8° e 9° posto partiranno invece dalla seconda fila.

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

Tom Sykes - Kawasaki Racing Team 1°: "Davvero uno stranissimo modo per vincere. Io non mi trovavo particolarmente bene nei primi giri, addirittura stavo già pensando a cosa dover modificare per la seconda gara. Poi mi sono ritrovato di colpo in testa. Spero che non ci siano infortuni per i piloti caduti e bisogna pensare alla gara di domani."

Alex Lowes - Pata Yamaha Official WorldSBK Team 2°: "Questo week end per me è molto difficile perchè il mio feeling con la moto non è buono. Domani vorrei andare forte aldilà degli errori degli altri. Spero che Van der Mark e Davies stiano bene."

Jonathan Rea - Kawasaki Racing Team 3°: "E' stata veramente una gara pazza. Van der Mark ha avuto un passo incredibile. Quando è caduto non aveva fatto un errore, stava andando fortissimo e secondo me non era un errore suo. Poi è arrivato Chaz che ha recuperato la prima posizione quando sono andato largo. Io mi stavo preparando all'attacco all'ultimo giro, poi è successo quello che è successo."

WSBK MISANO 2017 - CLASSIFICA GARA 1

WSBK MISANO 2017 - GRIGLIA DI PARTENZA GARA 2

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Iscriviti alle nostre pagine social

facebook twitter google plus youtube

banner motul superbike

CALENDARIO GARE 2017

Round 1 - 24/26 febbraio - Phillip Island

Round 2 - 10/12 marzo - Chang

Round 3 - 31 mar./02 apr. - Aragòn

Round 4 - 28/30 aprile - Assen

Round 5 - 12/14 maggio - Imola

Round 6 - 26/28 maggio - Donington

Round 7 - 16/18 giugno - Misano

Round 8 - 07/09 luglio - Laguna Seca

Round 9 - 18/20 agosto - Lausitzring

Round 10 - 15/17 settembre - Algarve

Round 11 - 29 sett./01 ott. - Magny-Cours

Round 12 - 20/22 ott. - Jerez

Round 13 - 02/04 novembre - Losail

 Attenzione: il calendario potrebbe subire delle modifiche a stagione in corso.