Motomondiale
Carattere

Il britannico del Team LCR Honda di Lucio Cecchinello festeggia il primo trionfo in MotoGP. Secondo posto per Valentino Rossi, terzo per Marc Marquez. Ultima piazza per Jorge Lorenzo.

Ci sono tre fattori che influenzano maggiormente le performance dei piloti sull'asfalto bagnato: esperienza, sensibilità e un pizzico di fortuna. Con questi tre elementi Cal Crutchlow ha costruito oggi la sua prima splendida vittoria in MotoGP, un risultato storico perchè il trentenne di Coventry è il primo inglese a vincere nella top class dopo il compianto Barry Sheene (Anderstorp 1981).

L'asfalto bagnato dalla pioggia che ha battuto il circuito di Brno per tutta la mattinata, ha costretto i piloti a partire con le gomme rain, seppur con la prospettiva di effettuare il flag to flag qualora la pista si fosse asciugata durante lo svolgersi della gara.

Il britannico, che subito dopo la partenza si è ritrovato quindicesimo, è stato uno dei pochi se non l'unico pilota a scegliere la mescola dura per entrambe le coperture. Un azzardo - compiuto sulla griglia di partenza - che si è rivelato vincente da metà gara in poi, dato che l'asfalto poco drenante del circuito moravo non si è asciugato nei tempi previsti. Al sedicesimo giro Cal è passato al comando, costruendo nelle restanti sei tornate un buon margine che gli ha permesso di tagliare il traguardo con sette secondi e due di vantaggio sul secondo classificato, Valentino Rossi.foto crutchlow vittoria motogp brno 2016

Anche il pesarese ha optato per la dura al posteriore, mentre all'anteriore ha preferito la morbida. Dopo una brutta partenza durante la quale è scivolato in dodicesima posizione, il "Dottore" ha iniziato a prendere confidenza con l'assetto della sua M1, e solo nella seconda metà di gara la sua scelta ha dato i frutti sperati. Rossi ha iniziato a recuperare terreno e al diciottesimo giro era già secondo, posizione che ha mantenuto fino alla bandiera a scacchi.

Alle spalle del trentasettenne di Tavullia, Marc Marquez ha invece raccolto la terza piazza. Approfittando a fine gara delle difficoltà di Iannone, il pilota di Cervera è riuscito a limitare i danni di un'errata scelta di gomme - due morbide -, perdendo così solo quattro punti in classifica generale nella quale domina con 197 pt.

Gara da dimenticare per Andrea Iannone che, dopo aver guidato la classifica dal quarto al quindicesimo giro, ha iniziato a patire il consumo anomalo della gomma anteriore. Nelle ultime due tornate il battistrada centrale era praticamente saltato via, e il pilota di Vasto non ha potuto fare altro che cercare di tagliare il traguardo. Per lui l'ottava piazza alle spalle di Baz (4°), Barbera (5°), Laverty (6°) e Petrucci (7°), ma è andata peggio al compagno di squadra Andrea Dovizioso, che già al decimo giro è dovuto rientrare ai box con la gomma anteriore distrutta.

"Dovi" è quindi rientrato in pista in sella alla seconda moto equipaggiata con gomme intagliate, ma l'asfalto ancora troppo bagnato non gli ha permesso di recuperare il terreno perduto. Il forlivese si è definitivamente arreso durante il sedicesimo giro.

Gara disastrosa per Jorge Lorenzo che al via è scivolato in decima posizione per poi retrocedere addirittura in sedicesima, a causa dello scarso feeling con la gomma dura posteriore. Nella seconda metà di gara le gomme installate sulla sua M1 hanno iniziato ad offrire il massimo grip e il maiorchino ha iniziato a recuperare terreno fin quando il consumo precoce dell'anteriore non lo ha costretto a rientare ai box.

Con ancora sette giri da percorrere, e con la prospettiva di avere nella parte finale di gara la traiettoria ideale quasi del tutto asciutta, la squadra del pilota spagnolo ha equipaggiato la seconda M1 con le gomme slick. Lorenzo è quindi rientrato in pista ma resosi conto che l'asfalto era ancora troppo bagnato per le slick, ha completato il giro per riprendere la moto uno che nel frattempo era stata equipaggiata con una nuova gomma morbida all'anteriore. Il maiorchino ha quindi concluso in diciassettesima posizione la sua gara, perdendo così la seconda posizione in classifica generale che ora è occupata da Valentino Rossi, 144 pt. contro i 138 del compagno di squadra.

Il prossimo appuntamento con il mondiale MotoGP 2016 è fissato per il week end del 4 settembre con il Gran Premio d'Inghilterra, in programma sul circuito di Silverstone.

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

Cal Crutchlow - LCR Honda 1°: "Mi aspettavo un'emozione diversa, però dopo la nascita di mio figlio è la migliore sensazione al mondo. Vincere la gara è fantastico però il miglior regalo l'ho avuto due settimane fa. Sono davvero molto contento comunque del mio team, abbiamo lavorato sodo per ottenere questo risultato. Ho preso un azzardo, nessun altro credo lo abbia fatto sulla griglia, ma per quanto mi riguarda non capisco perchè se scegli una gomma dura non scegli anche l'altra. Noi abbiamo fatto il miglior lavoro possibile, avevo una moto fantastica quest'oggi, il mio team ha lavorato fino a mezza notte ieri ed è stato un ottimo modo per ripagarli quest'oggi."

Valentino Rossi - Movistar Yamaha MotoGP 2°: "All'inizio ero disperato perchè pensavo che avessimo commesso un errore, ma giro dopo giro la posteriore dura andava sempre meglio. E' stata molto lunga, ho dovuto mantenere sempre la concentrazione senza commettere errori e dalla dodicesima posizione sono ripartito. E' stata una grande gara, sono molto contento di questi venti punti, anche perchè ora sono secondo in campionato e credo che oggi abbiamo fatto un buon lavoro e la scelta giusta."

Marc Marquez - Repsol Honda Team 3°: "Onestamente oggi la mia strategia è stata sbagliata perchè pensavo che essendo smesso di piovere sarebbe stata una gara flag to flag, ho scelto quindi  le gomme soft per cercare di spingere all'inizio, ma dopo un pò di giri ho capito che il flag to flag sarebbe stato impossibile. Quindi ho cercato di gestire le gomme soft perchè sapevo che Cal aveva le dure e anche Valentino aveva la posteriore dura e stavo perdendo parecchio in accelerazione. Alla fine abbiamo perso soltanto quattro punti da Valentino e abbiamo aumentato il vantaggio su Jorge, quindi il risultato finale mi rende molto felice."

MOTOGP BRNO 2016 - CLASSIFICA GARA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti alle nostre pagine social

facebook twitter google plus youtube

 

 

 

CALENDARIO CAMPIONATO 2017

26 marzo - GP del Qatar - Losail

09 aprile - GP di Argentina - Río Hondo

23 aprile - GP d'America - Austin

07 maggio - GP di Spagna - Jerez

21 maggio - GP di Francia - Le Mans

04 giugno - GP d'Italia - Mugello

11 giugno - GP della Catalogna - Barcellona

25 giugno - GP d'Olanda - Assen

16 luglio - GP di Germania - Sachsenring

06 agosto - GP della Repubblica Ceca - Brno

13 agosto - GP d'Austria - Spielberg

27 agosto - GP d'Inghilterra - Silverstone

 10 settembre - GP di San Marino - Misano

24 settembre - GP di Spagna - Aragón

15 ottobre - GP del Giappone - Motegi

22 ottobre - GP d'Australia - Phillip Island

29 ottobre - GP della Malesia - Sepang

12 novembre - GP de la Comunitat Valenciana - Valencia