Motomondiale
Carattere

Il cerchio è quasi chiuso, giusto qualche minuto dopo l'annuncio del passaggio di Vinales in Yamaha ecco Suzuki comunicare che sarà Andrea Iannone ad occupare il posto lasciato libero dal pilota spagnolo.

Riportiamo a seguire il comunicato stampa ufficiale divulgato dalla Casa di Hamamatsu:

Suzuki Motor Corporation è lieta di annunciare l'accordo con Andrea Iannone come pilota ufficiale del Team Suzuki ECSTAR per 2017-2018.

L'italiano sarà alla guida della GSX-RR nel Campionato del Mondo MotoGP per i due anni successivi alla stagione 2016.

Iannone nasce il 9 agosto 1989 a Vasto, in Italia meridionale. Inizia a correre nei campionati italiani e spagnoli nel 2004, all'età di 15 anni. Debutta nel Campionato del Mondo 125 dove nel 2005 vince quattro gare, poi il passaggio in Moto2 nel 2010 dove conclude tre stagioni al terzo posto, vincendo otto gare. Trasferitosi in MotoGP nel 2013, nel 2015 - la sua terza stagione - chiude al quinto posto assoluto registrando una pole position e tre podi.

Davide Brivio - Team Suzuki ECSTAR Team Manager: "Siamo felici di aver arruolato Andrea nella nostra squadra per i prossimi due anni. Lui è uno dei migliori piloti MotoGP ed è anche molto appassionato e motivato. Il nostro progetto tecnico è in continuo miglioramento fin dal nostro debutto nel 2015 e stiamo lavorando duramente per rendere la GSX-RR competitiva in modo che possa combattere costantemente per il podio e per la vittoria nel più breve tempo possibile. Volevamo un pilota che potesse aiutare Suzuki nella sua scalata verso il successo. Andrea è un pilota veloce che ha fame di vittoria e il suo stile di guida può soddisfare le caratteristiche della nostra moto, quindi, è in grado di offrirci delle buone speranze per una collaborazione positiva. Essendo al suo quarto anno di MotoGP è anche un pilota esperto da cui tutta la squadra beneficerà."

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti alle nostre pagine social

facebook twitter google plus youtube

banner motogp CALENDARIO CAMPIONATO 2017

26 marzo - GP del Qatar - Losail

09 aprile - GP di Argentina - Río Hondo

23 aprile - GP d'America - Austin

07 maggio - GP di Spagna - Jerez

21 maggio - GP di Francia - Le Mans

04 giugno - GP d'Italia - Mugello

11 giugno - GP della Catalogna - Barcellona

25 giugno - GP d'Olanda - Assen

02 luglio - GP di Germania - Sachsenring

06 agosto - GP della Repubblica Ceca - Brno

13 agosto - GP d'Austria - Spielberg

27 agosto - GP d'Inghilterra - Silverstone

 10 settembre - GP di San Marino - Misano

24 settembre - GP di Spagna - Aragón

15 ottobre - GP del Giappone - Motegi

22 ottobre - GP d'Australia - Phillip Island

29 ottobre - GP della Malesia - Sepang

12 novembre - GP de la Comunitat Valenciana - Valencia