Motomondiale
Carattere

A tre mesi esatti dalla prima ed unica vittoria stagionale ottenuta nel GP delle Americhe, Marc Marquez riporta la RC213V sul gradino più alto del podio. Alle spalle del fenomenale pilota spagnolo un altrettanto stupefacente Dani Pedrosa il quale, con un meritato secondo posto, regala alla Honda la prima doppietta stagionale, adeguato epilogo di un week end praticamente perfetto per il Repsol Honda Team

Valentino Rossi chiude con un soddisfacente terzo posto la parentesi tedesca, davanti a Jorge Lorenzo (4°) ed al secondo miglior italiano in gara Andrea Iannone (5°). Grande delusione per lo sfortunato Andrea Dovizioso, caduto nel corso del quindicesimo giro. Per il forlivese si tratta del terzo zero stagionale.

Nessuno dei top rider è riuscito a contrastare la netta superiorità dello spagnolo in sella alla Honda #93 che, sbarazzatosi rapidamente di uno scattante Jorge Lorenzo, ha condotto la gara dal quinto giro in poi e fino all'ultimo dei trenta passaggi previsti, raccogliendo la seconda vittoria stagionale con un margine di 2.226 secondi sul compagno di squadra Pedrosa.

Per "Dani" i primi dieci giri sono stati di assestamento, la sua Honda ha iniziato a dare il meglio quando il serbatoio della benzina si è alleggerito. Lo spagnolo è riuscito quindi a migliorare il suo ritmo ed a scalare la classifica provvisoria, portandosi dalla quarta alla seconda posizione, scavalcando Lorenzo e Rossi e rosicchiando, nelle ultime tornate, un po’ del margine accumulato da Marquez.foto motogp sachsenring 2015 gara

Considerati i risultati non troppo entusiasmanti nelle libere e il sesto posto nelle qualifiche di ieri, tanto di cappello al podio ottenuto oggi da Valentino Rossi, il nono su nove gare disputate in questa stagione 2015. Valentino è riuscito a centrare il suo obiettivo ovvero, piazzare la M1 #46 davanti a quella del compagno di squadra, principale contendente nella lotta al titolo 2015. Nei primi sette giri Valentino si è accaparrato la seconda posizione superando Pedrosa e Lorenzo. Durante il sedicesimo passaggio il pesarese è stato nuovamente sopravanzato da Pedrosa ma, sfruttando il traino dello spagnolo, Rossi è riuscito ad allontanarsi da un minaccioso Lorenzo, assicurandosi la terza posizione fino al traguardo, risultato grazie al quale "il dottore" mantiene il comando della classifica generale.

Al maiorchino (terzo nelle qualifiche di ieri), è rimasta la magra consolazione di aver condotto la gara per i primi cinque giri. Tuttavia con il quarto posto di oggi, Lorenzo è riuscito a contenere il distacco in classifica generale da Rossi che ora ammonta a tredici punti, tre in più rispetto alla gara precedente.

Partito dalla quarta casella dello schieramento, Andrea Iannone, è transitato quinto già al termine del primo passaggio ed ha conservato la sua posizione fino al traguardo, resistendo al tentativo di rimonta di Bradley Smith e tagliando il traguardo con un vantaggio di due secondi e mezzo sul pilota inglese che si è dovuto quindi accontentare del sesto posto.foto andrea iannone motogp sachsenring gara 2015

Cal Crutchlow e Pol Espargaro hanno chiuso la loro gara rispettivamente in settima e ottava posizione mentre il nostro Danilo Petrucci su Ducati Octo Pramac Racing ha tagliato il traguardo in nona posizione. I due alfieri del Team Suzuki Ecstar, Aleix Espargaro e Maverick Vinales hanno concluso la loro gara in sella alle bellissime GSX-RR con livrea celebrativa "30th Anniversary", rispettivamente con il decimo e undicesimo posto. In lotta fra loro a partire da metà gara in poi, nelle fasi finali il duello si è fatto più duro giro dopo giro, fino alla curva prima del traguardo, dove Espargaro è riuscito ad imporsi definitivamente sul compagno di squadra. 

Il quattordicesimo posto di Alvaro Bautista è invece il miglior risultato ottenuto dall'Aprilia Racing Team Gresini in questo GP di Germania. Il secondo pilota, nonchè neoacquisto, Michael Laverty, subentrato a seguito della recente "rottura" fra la casa di Noale ed il ravennate Marco Melandri, ha concluso la sua gara di debutto sulla moto veneta in ventesima posizione, a 1'15.910 da Marquez.

Da segnalare la caduta di Scott Redding - Honda EG 0,0 Marc VDS durante il primo giro.

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

Marc MarquezRepsol Honda Team 1° : "Sono veramente contento, sapevamo che su questo circuito la nostra moto va molto bene, tuttavia abbiamo lavorato tantissimo durante il week end . E’ stata la prima gara in cui sono riuscito a gestire alcuni aspetti importanti come le gomme le mie forze e quindi il GAP con il secondo. In Olanda abbiamo fatto un passo in avanti, qui un altro, ma dobbiamo fare ancora di più. In Olanda che è una pista in cui normalmente facciamo fatica, ero lì con Valentino e questo è stato importante per arrivare qui con una mentalità forte. Sin dall’inizio ho visto che potevo lottare per la vittoria."

Dani Pedrosa - Repsol Honda Team 2° : "Sono molto contento ! Ho guidato molto forte, Valentino mi ha messo un sacco di pressione addosso, lui è molto difficile da battere, ma ho dato tutto me stesso e sono riuscito a finire davanti a lui. Ho guidato molto meglio alla fine. E’ la prima gara in questa stagione, in cui riesco a tenere un buon ritmo fino al traguardo. E’ vero che qui la moto ha meno problemi che in altre piste, ma nei test della prossima settimana dobbiamo lavorare sodo, perché entrambi Jorge e Valentino erano molto più vicini oggi che in altri anni qui. Vedremo se riusciremo a trovare qualcosa per la seconda metà della stagione in modo tale da rendere la moto ancora più competitiva."

Valentino Rossi - Movistar Yamaha MotoGP 3° : "Sono davvero molto contento perché è stato un altro grandissimo lavoro del mio team, perché dopo questa mattina nel warm up ero un po’ in difficoltà soprattutto in frenata. Dovevamo decidere se partire con un setting che avevamo già provato ma che sapevamo che aveva dei limiti o con qualcosa di diverso che mi aiutasse ad essere forte in frenata giù dal discesone. Ci abbiam provato e abbiamo fatto bene perché la mia M1 era molto a posto. La prima parte della gara è stata bella, ho attaccato, ho sorpassato ma secondo me il momento importante è stato quando mi ha risorpassato Dani. Io son riuscito a rimanere attaccato a lui con i denti sul codino per 10/12 giri e mi ha aiutato tanto ad andare via da Jorge che era il nostro obiettivo principale. Negli ultimi giri ci stavo “facendo la bocca” perché c’era un punto dove potevo passare Dani, ma mentre ci stavo pensando lui ha fatto 1’21.7, io non me lo aspettavo ma evidentemente lui aveva ancora margine."

MOTOGP SACHSENRING 2015 - CLASSIFICA GARA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti alle nostre pagine social

facebook twitter google plus youtube

banner motogp CALENDARIO CAMPIONATO 2017

26 marzo - GP del Qatar - Losail

09 aprile - GP di Argentina - Río Hondo

23 aprile - GP d'America - Austin

07 maggio - GP di Spagna - Jerez

21 maggio - GP di Francia - Le Mans

04 giugno - GP d'Italia - Mugello

11 giugno - GP della Catalogna - Barcellona

25 giugno - GP d'Olanda - Assen

02 luglio - GP di Germania - Sachsenring

06 agosto - GP della Repubblica Ceca - Brno

13 agosto - GP d'Austria - Spielberg

27 agosto - GP d'Inghilterra - Silverstone

 10 settembre - GP di San Marino - Misano

24 settembre - GP di Spagna - Aragón

15 ottobre - GP del Giappone - Motegi

22 ottobre - GP d'Australia - Phillip Island

29 ottobre - GP della Malesia - Sepang

12 novembre - GP de la Comunitat Valenciana - Valencia