Motomondiale
Carattere

Andrea Dovizioso e Ducati vincono al Twin Ring di Motegi, battendo sul circuito di proprietà della Honda un fortissimo Marc Marquez, secondo classificato. Terzo posto per Danilo Petrucci, scivolata per Valentino Rossi.

Talento, determinazione, coraggio e autocontrollo sono queste le doti che Andrea Dovizioso ha messo oggi in campo per vincere una delle gare più difficili e combattute degli ultimi anni di MotoGP. Difficile per la pioggia, che ha trasformato le moto in mezzi anfibi, difficile per l'obiettivo da raggiungere, ovvero battere un fortissimo Marc Marquez per ridurre il distacco in classifica generale nel tentativo di concretizzare il sogno iridato. Obiettivo centrato ! Il distacco fra i due attori di questo incredibile mondiale 2017 è ora di undici punti e il campionato, che l'anno scorso si è chiuso proprio sul circuito nipponico, è ancora aperto.

Al via Dovizioso è scattato dalla nona casella dello schieramento di partenza, i primi giri sono quindi stati all'insegna della rimonta. L'asfalto abbondantemente bagnato imponeva cautela e il recupero è dunque stato graduale ma costante. In queste condizioni così difficili ad emergere è stato come al solito Danilo Petrucci: durante il secondo giro il ternano del team Pramac si è infatti portato in testa alla classifica. Nelle tornate successive "Petrux" ha guadagnato un buon margine (quasi 1") ma Marquez è riuscito a colmarlo e a portarsi al comando durante la tredicesima delle 24 tornate previste.

Nel giro successivo Petrucci veniva superato anche da Dovizioso che aveva completato la sua strepitosa rimonta e poteva ormai concentrarsi solo su Marquez. Raggiunto lo spagnolo, è iniziata una serratissima bagarre fra i due con sorpassi e controsorpassi sul filo del rasoio. Un incredibile duello sull'acqua che ha raggiunto il suo culmine all'ultimo giro, con Marquez che perdeva in un attimo il distacco accumulato, per una improvvisa imbarcata alla curva 9.

Dovizioso, che non ha mai mollato un solo attimo, sfruttava dunque l'occasione riportandosi in testa due curve dopo. Marquez dal canto suo riusciva tuttavia a mantenere il contatto con l'avversario e all'ultima curva ci riprovava. Come spesso accade quando si è al limite però, lo spagnolo andava lungo. L'arrivo, in volata, sul rettilineo principale vedeva il poderoso quattro cilindri italiano stracciare in accelerazione il propulsore giapponese.

Ducati batte Honda in casa dunque e torna al successo in terra nipponica dopo sette anni di digiuno. L'ultima vittoria risale infatti al 2010, quando Casey Stoner portò al successo la Dasmosedici GP10 davanti - anche in quell'occasione - ad una Honda guidata - ironia della sorte - proprio da Andrea Dovizioso.foto motogp duello dovizioso marquez motegi 2017

Sul terzo gradino del podio un grandioso Danilo Petrucci, penalizzato sul finale da una scelta errata delle gomme (extrasoft), che gli hanno presentato il conto prima del previsto: il passaggio sotto la bandiera a scacchi, undici secondi dopo il vincitore. Ma la grande sorpresa di questo quindicesimo gran premio stagionale è il quarto posto di Andrea Iannone. Il pilota abruzzese partiva dall'undicesmo casella, per lui si tratta del miglior risultato ottenuto in una stagione "nera". I progressi del team Suzuki Ecstar sono confermati dal quinto posto di Rins, mentre delude un pò la performance di Jorge Lorenzo. Il maiorchino era scattato bene al via, al termine del primo giro era in testa alla classifica, ma si è poi perso strada facendo. L'arrivo sul traguardo confermava la sesta posizione ad oltre 24" dal compagno di squadra.

Alle spalle del numero novantanove troviamo invece Aleix Espargarò su Aprilia RS-GP, titolare della settima piazza davanti al francese Zarco, protagonista ieri in qualifica, e al connazionale Maverick Vinales, unico ufficiale Yamaha sul traguardo. Per il team Movistar è stato un week end molto difficile che si è concluso con un bottino di soli sette punti, Valentino Rossi ha infatti rimediato il terzo zero stagionale scivolando durante il sesto giro mentre era in ottava posizione.

Oltre a Rossi, non hanno visto il traguardo Cal Crutchlow, Dani Pedrosa, Alvaro Bautista, Karel Abraham, Kohta Nozane.

Il prossimo appuntamento con il mondiale MotoGP 2017 è fissato per il week end del 22 ottobre con il Gran Premio d'Australia, in programma sul bellissimo circuito di Phillip Island.

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

Andrea Dovizioso - Ducati Team 1°: "Ho avuto la possibilità nel rettilineo posteriore alla curva 11, ma ero troppo lontano da Marc e lui stava spingendo davvero tantissimo. Le gomme erano finite, sia le mie che le sue. Marc però ha fatto un piccolo errore, sono quindi riusciuto a riprenderlo e ho fatto una curva perfetta alla 10. Sono riuscito a frenare molto forte con la mia moto, ma poi fino all'ultima curva con Marc è sempre molto difficile. Ho cercato di chiudere ogni porta, ma lui ha trovato un piccolo spazio dove infilarsi e io comunque sono riuscito ad uscire veloce. Sono davvero molto contento, era difficile perchè l'aderenza era bassissima e la gomma posteriore è calata parecchio. Abbiamo fatto un ottimo lavoro sin dalla FP1. Grazie al team perchè quest'anno siamo davvero molto forti."

Marc Marquez - Honda Racing Team 2°: "E' stata una gara fantastica, i due uomini il lizza per il campionato in lotta fino all'ultima curva. Io ci ho provato ma...avevo un piccolo vantaggio ma poi ho commesso un paio di errori, soprattutto alla curva otto. Lì ho fatto un grosso errore e ho perso tanto, lui ha recuperato parecchio terreno. Poi sul rettilineo opposto sapevo che la Ducati era un pochino più veloce, anche sul punto di staccata era più veloce. Ci ho provato all'ultima curva, un pò come in Austria. Sapevo che Andrea qui sarebbe stato molto forte. Ora andremo a Phillip Island e magari sarà diverso."

Danilo Petrucci - OCTO Pramac Racing 3°: "Ho deciso di prendere un rischio scegliendo le gomme extrasoft. All'inizio avevo qualcosa in più, però ho deciso di non spingere troppo, ma ho visto che gli altri erano parecchio lontani quindi io ho pensato che forse stavo spingendo un pò troppo. Alla fine ho cercato di tenere il passo di Dovi e Marc ma la metà della gomma era molto usurata e il posteriore spinnava parecchio. Quindi ho deciso che comunque la posizione sul podio  era soddisfacente. Sono molto contento, voglio ringraziare il team per questo risultato."

MOTOGP MOTEGI  2017 - CLASSIFICA GARA

MOTOGP 2017 - CLASSIFICA AGGIORNATA DI CAMPIONATO

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Iscriviti alle nostre pagine social

facebook twitter google plus youtube

banner motogp CALENDARIO CAMPIONATO 2017

26 marzo - GP del Qatar - Losail

09 aprile - GP di Argentina - Río Hondo

23 aprile - GP d'America - Austin

07 maggio - GP di Spagna - Jerez

21 maggio - GP di Francia - Le Mans

04 giugno - GP d'Italia - Mugello

11 giugno - GP della Catalogna - Barcellona

25 giugno - GP d'Olanda - Assen

02 luglio - GP di Germania - Sachsenring

06 agosto - GP della Repubblica Ceca - Brno

13 agosto - GP d'Austria - Spielberg

27 agosto - GP d'Inghilterra - Silverstone

 10 settembre - GP di San Marino - Misano

24 settembre - GP di Spagna - Aragón

15 ottobre - GP del Giappone - Motegi

22 ottobre - GP d'Australia - Phillip Island

29 ottobre - GP della Malesia - Sepang

12 novembre - GP de la Comunitat Valenciana - Valencia