Curiosità
Carattere

I motociclisti cronici generalmente non vedono tanto di buon occhio le auto, a meno che non abbiano caratteristiche e prestazioni tali da emozionare chi le guida quasi come riesce a fare una moto. L'auto che vi presentiamo in questo articolo si chiama Honda Project 2&4 ed ha tutte le carte in regola per riuscirci, poichè dotata del motore da competizione della Honda RC213V MotoGP, opportunamente modificato per l'impiego su strade aperte al traffico.

L’eccezionale propulsore, sviluppato per la moto da competizione impiegata nel ampionato MotoGP è un V4 da 999 cc a quattro tempi, in grado di erogare una potenza massima superiore ai 215 CV a 13.000 giri/min (zona rossa a 14.000 giri/min) ed una coppia di oltre 118 Nm a 10.500 giri/min. Il cambio è a sei rapporti a doppia frizione (DCT, Dual Clutch Transmission).foto honda project 24 motore rc213v 001

Il design delle sovrastrutture e la posizione del motore sono ispirati alla leggendaria Honda RA272, la monoposto da F1 prodotta ed utilizzata da Honda durante la stagione 1965. La struttura lascia in vista il telaio e le parti funzionali dell’auto, proprio come avviene per una moto, rispetto alla quale è altrettanto compatta. La lunghezza complessiva è di 3.040 mm, la larghezza di 1.820 mm e l’altezza di 995 mm. Il peso, contenuto in soli 405 kg, enfatizza l'esuberanza del motore, collocato in posizione centrale e che, unitamente al baricentro basso, garantisce livelli di reattività eccezionali.

L’abitacolo scoperto è caratterizzato dall’esclusivo sedile del conducente sospeso appena sopra il livello dell’asfalto. Il design del "sedile sospeso" posiziona il conducente il più vicino possibile all’azione, evocando la libertà di una moto e completando la sensazione di guida immersiva offerta dalle performance estreme della Honda Project 2&4.foto honda project 24 motore rc213v 002

COME NASCE IL PROGETTO

Oltre 80 designer e progettisti hanno partecipato al concorso "Global Design Project" che la Casa giapponese organizza internamente per stimolare la creatività dei propri tecnici. L’obiettivo di questo concorso annuale tra i reparti R&D Honda è di sfidare i membri di team e progetti a condividere un unico obiettivo per il raggiungimento di obiettivi fortemente ambiziosi.

Honda Project 2&4 è un esempio di ciò che questa sfida stimolante è in grado di generare grazie alle diverse qualità di ciascun partecipante. Concepito dal reparto R&D moto di Honda con sede ad Asaka e progettato in collaborazione con il reparto R&D auto situato a Wako, l’Honda Project 2&4 nasce per creare un’esperienza di guida intensa coniugando gli elementi più elettrizzanti di una corsa in sella a una moto con le caratteristiche più accattivanti al volante di un’auto. Il risultato enfatizza non solo la creatività dei reparti R&D Honda ma innalza le aspettative per il futuro della mobilità a un livello superiore.

L'auto debutterà al 66°Salone di Francoforte – dal 19 al 27 settembre – presso lo stand B11 nel padiglione 9.0.

 © RIPRODUZIONE RISERVATA