Curiosità
Carattere

Bello, brutto, dolce, amaro, prospero o misero ognuno scelga l'aggettivo più appropriato per descrivere al meglio il suo 2014.

Motociclisticamente parlando, l'anno che ci stiamo lasciando alle spalle è stato alquanto "variopinto", come raccontato dal miscuglio di buone e cattive notizie che lo hanno reso, nel bene e nel male, indimenticabile.

Per salutare il 2014 abbiamo selezionato dodici eventi (uno per ogni mese) che meglio lo rappresentano, alcuni dei quali hanno addirittura lasciato un segno indelebile nella storia del motociclismo nazionale ed internazionale. Ripercorriamolo assieme per l'ultima volta prima di archiviarlo definitivamente.

GENNAIO

Il noto preparatore spagnolo Radical Ducati, diventato famoso per le bellissime customizzazioni delle rosse di Borgo Panigale, chiude dopo 15 anni di attività. I due soci, Pepo Rosell e Reyes Ramon, dichiarano di voler intraprendere nuove strade.

foto special radical ducati matador

FEBBRAIO

MV Agusta torna a vincere, dopo 38 anni dall'ultimo successo ottenuto con il grande Giacomo Agostini nel lontano 1976. La vittoria è stata conquistata dal pilota francese Jules Cluzel in occasione del GP d'Australia primo round del mondiale Supersport 2014, al culmine di una incredibile rimonta dalla quattordicesima posizione in griglia di partenza.

foto jules cluzel su mv agusta f3 supersport

MARZO

Sensibile ripresa per il mercato delle due ruote. Le immatricolazioni di febbraio (relative a veicoli maggiori di 50 cc) mostrano una significativa inversione di tendenza con 9.670 unità e un +10,2%, in particolare gli scooter con 5.263 pezzi registrano un +6,5%, mentre le moto confermano il dato positivo da inizio anno e accelerano con 4.407 vendite pari al +15,1%.

APRILE

Muore Massimo Tamburini, fondatore della Bimota, nonchè designer-progettista di alcune fra le più belle motociclette mai realizzate. Fra i capolavori concepiti dalla sua geniale mente, le Ducati 851, 888, 906 Paso e 916, e ancora Cagiva Mito, le splendide MV Agusta F4, Brutale e tante altre moto definite unanimemente delle vere e proprie opere d'arte.

foto massimo tamburini mv agusta f4 serie oro

MAGGIO

Rinasce il marchio spagnolo Bultaco, a 31 anni dalla chiusura. Annunciato il lancio, nel 2015, della crossover Rapitan, una moto a propulsione elettrica che sarà prodotta negli stabilimenti spagnoli ubicati in Catalogna e a Madrid. Rapitan sarà commercializzata in due versioni (tourer e sport), ma la casa rende noto che a questa seguiranno altri modelli.

GIUGNO

Harley-Davidson presenta Project LiveWire, il primo prototipo di moto elettrica made in Milwaukee. Estetica tipicamente Harley ma sostanza estremamente innovativa. Il motore è un trifase da 70 Nm di coppia in grado di lanciare la silenziosa Harley, da 0 a 100 km/h in meno di 4 secondi.

L'energia necessaria ad ottenere queste esaltanti prestazioni è fornita dalla batteria agli ioni di litio, la quale è in grado di offrire un’autonomia massima di circa 85 Km, con una ricarica completa che avviene in 3,5 ore con una tensione di 220 Volt.

foto harley davidson moto elettrica project livewire.jpg

LUGLIO

La Commissione Trasporti della Camera approva gli emendamenti per aumentare la sicurezza dei motociclisti e dei ciclisti, anche attraverso la limitazione della presenza, a bordo strada, di ostacoli fissi artificiali, come i supporti della segnaletica stradale e i guardrail. Tutti gli utenti delle due ruote potranno marciare anche nelle corsie riservate ai mezzi pubblici.

Fra le modifiche al Codice della Strada vi è anche la fruizione di autostrade e tangenziali per ciclomotori e motocicli 125cc, purchè guidati da conducenti maggiorenni.

AGOSTO

Finisce l'avventura in Superbike della rinata Bimota. L'azienda riminese, rilevata nel 2013 dai due imprenditori italiani Marco Chiancianesi e Daniele Longoni, non riesce a raggiungere la produzione minima in deroga di 125 esemplari, indispensabile per ottenere l'omologazione FIM e partecipare regolarmente al Campionato del Mondo delle derivate di serie.

SETTEMBRE

Il messinese Tony Cairoli vince il suo ottavo titolo iridato con il 5° posto in gara 1 al GP del Brasile, penultimo appuntamento del Campionato MXGP 2014. Il 29enne di Patti (ME) scrive u'altra bellissima pagina di storia del motociclismo, enorme il talento dimostrato in quella che è probabilmente la disciplina più dura.

Una vittoria strameritata quindi, inseguita con grande fermezza e raggiunta nonostante i momenti difficili che hanno angosciato la sua vita negli ultimi due anni.

foto tony cairoli vittoria ottavo mondiale mxgp

OTTOBRE

Mercedes-Benz compra il 25% di MV Agusta. Un'operazione storica per il colosso tedesco delle quattro ruote (mai prima d'ora aveva manifestato interesse per le due ruote), e per la piccola azienda magistralmente condotta da Giovanni Castiglioni.

Quest'ultima, per la quale si prospetta un futuro in crescendo, potrà contare quindi su una maggiore liquidità, nonchè sulle tecnologie e strategie di mercato che hanno decretato il successo, in tutto il mondo, del marchio della stella a tre punte.

NOVEMBRE

Aprilia vince, per la terza volta consecutiva, il mondiale costruttori e piloti Superbike, con il 32enne francese Sylvain Guintoli. La casa di Noale raggiunge così quota 7 titoli, 3 piloti e 4 costruttori dal rientro nel Campionato delle derivate di serie avvenuto nel 2009.

DICEMBRE

Approvato l'emendamento che prevede il pagamento del bollo per auto e moto d'epoca fino a 30 anni dalla prima immatricolazione. I veicoli che attualmente hanno un'età compresa fra i 20 ed i 30 anni, perderanno il regime agevolato e torneranno a pagare la tassa per intero.

Certamente non possiamo dire che il 2014 sia stato un anno noioso, ma dato che non ci accontentiamo facilmente, auspichiamo un 2015 rivoluzionario, travolgente, stimolante ed effervescente come lo spumante che ci attende allo scoccare della mezzanotte.

Felice anno nuovo a tutti !

MotoNotizie.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA