Mototurismo
Carattere

A Gambarie d'Aspromonte, per il motoraduno organizzato a settembre dal Moto Club Reggio Bikers. Moto, Natura, Folclore e divertimento.

Musica + moto + ottima cucina = Motoraduno di Gambarie. Dal primo anno in cui vi abbiamo partecipato, non siamo riusciti più fare a meno dell'appuntamento che il motoclub Reggio Bikers riserva ogni anno a tanti motociclisti. Il primo week end di settembre, la piccola località montana del comune di Santo Stefano in Aspromonte nella provincia di Reggio Calabria situata a 1.350 m s.l.m, meta invernale di tanti appassionati dello sci, si riempie di motociclette di ogni genere .

L'evento è una bella opportunità per abbandonare il caos della città e rilassarsi fra le verdi fronde di Faggi, Pini secolari e Castagni, del Parco Nazionale d'Aspromonte, circondati da bikers e moto di ogni genere, tutti uniti con il solo scopo di divertirsi.

ITINERARIO

Dopo una settimana lavorativa di fuoco, ci rimettiamo finalmente, in sella e Sabato pomeriggio partiamo da Catania alle ore 17:00, dopo aver preparato bagagli e moto, per l'8° Motoraduno Gambarie edizione 2011.

Giunti a Messina, all'imbarco per i traghetti facciamo il biglietto alla modica cifra di 20 € a/r cadauno :S. Anche qui c'è stato un bell'aumento ma vabè come si dice in questi casi "le passioni non hanno prezzo". La navigazione è stata piacevole, il mare piatto ci ha permesso di godere del magnifico panorama che lo stretto di Messina riesce ad offrire senza preoccuparci troppo delle moto.

Scesi a Villa S. Giovanni abbiamo iniziato a fare strada verso la nostra meta affidandoci al GPS perchè Gambarie non è subito segnalata e spesso capita di non ricordare bene la strada. Il navigatore ci ha fatto percorrere un primo tratto panoramico, costiero, sulla SS18 che collega Reggio Calabria a Scilla. Una strada con asfalto in ottimo stato su cui ci siamo divertiti parecchio.

Giunti a Scilla, abbiamo imboccato la SP 107, strada tanto bella per il panorama e le curve quanto dissestata per il manto stradale usurato e con qualche buca. Continuando a percorrere la 107 dopo qualche km ci si immette sulla SS670 / SP6, identico il paesaggio ma l'asfalto migliora un pò. La SS670/SP6 finisce innestandosi sulla SS183 a soli 2,8 km da Gambarie e arriva esattamente in Piazza Romeo, teatro della manifestazione.

ARRIVO ED ACCOGLIENZA

Come ogni anno siamo stati accolti presso un gazebo di accesso alla Piazza, dove i ragazzi del motoclub ci hanno fornito il biglietto per lo spettacolo "notte monella" (il nome la dice lunga) e una simpatica Patch con il logo dei Reggio Bikers da cucire sul giubbotto. Parcheggiate le moto all'interno della zona riservata al raduno,  ci siamo recati presso il gazebo di Franca, la signora che si occupa delle prenotazioni presso gli alberghi.motoraduno gambarie 2011 piazza mangeruca motociclisti

Le stanze a noi assegnate si trovavano presso l'Hotel Excelsior, un tre stelle con camere accoglienti e pulite. Il prezzo pagato 25 € per una notte, ci è sembrato accettabile per un Hotel ma un membro del gruppo si è lamentato del materasso un pò cedevole.

STANDS A TEMA

Dopo aver sistemato le borse e dopo esserci rinfrescati un pò siamo tornati giù a guardare un pò le moto e gli stands allestiti in piazza.

Presenti aree espositive dei marchi Ducati e KTM. Quest'ultimo, allestito dalla Concessionaria FRC RACING S.r.l. di Reggio Calabria attirava maggiormente l'attenzione con il bell'arancione dei gazebi e con le belle 990 Supermoto R e Duke 125 in esposizione. C'era anche una enduro ma non ricordo il modello XD. Penso che avrete capito il mio totale disinteresse verso l'enduro.

stand ktm motoraduno gambarie 2011

All'interno del gazebo inoltre c'era un vasto assortimento di accessori e abbigliamento KTM.

Lo stand Ducati ci ha attirati come una calamita per il semplice motivo che avevano in esposizione una Desmosedici RR la cui bellezza non è in discussione, senza nulla togliere al resto della gamma Ducati.

CENA E DOPOCENA

Alle 20:30 cominciava a farsi sentire un certo languorino, così abbiamo pensato di cenare presso l'Hotel Miramonti dove alla modica cifra di 16 € cadauno non ci hanno fatto mancare nulla, con primi piatti a base di funghi e secondi di carne con contorno e dolce a fine pasto, il tutto accompagnato dal buon vino locale.

Il dopocena è stato all'insegna della buona musica con il concerto Rock&Blues dei "Walking Trees" che sconoscevamo ma che ci hanno lasciato con il sorriso in bocca per la bravura nell'eseguire cover rock blues di Hendrix, Cream, Popa Chubby, ZZ Top, Black Crowes e rhythm'n' blues di Otis Redding, Wilson Pickett, Creedence, Allman Brothers. Finito il concerto Luigi, il leader dei Reggio Bikers annuncia che per un problema burocratico non sarà possibile sparare i fuochi d'artificio come ogni anno, perciò non resta che prepararci per la notte monella. Questa parte del raduno è sempre apprezzata da tutti chissà perchè... La serata si è conclusa con una bella birra fredda.

La Domenica mattina dopo una soddisfacente colazione presso il bar "La Genziana" in via Del Boschetto a due passi dall'Hotel Excelsior, ci siamo avviati al nostro ritorno in terra sicula con la promessa di tornare l'anno prossimo per la 9° edizione del Motoraduno di Gambarie sperando di poter trascorrere anche il venerdì in compagnia dei Reggio Bikers partecipando alle escursioni nel Parco d'Aspromonte a cui quest'anno nnon abbiamo potuto prender parte.

motoraduno gambarie 2011 058

© RIPRODUZIONE RISERVATA