Tips and Tricks
Carattere

Alzi la mano chi è quel motociclista che non ha mai pensato di modificare la propria moto per aumentarne le prestazioni. Direi pochissimi ! Statisticamente parlando, oserei definirli "mosche bianche".

Nonostante le performance dei prodotti di serie siano oltremodo elevate, prima o poi il tarlo delle elaborazioni spunta a tutti. Il settore dei componenti aftermarket poi è fiorente, stimolante e spesso l’unico paletto che ci ostacola a trasformare la nostra comunissima moto in un autentico missile da mondiale Superbike è solo l'inadeguatezza del conto in banca.

Tuttavia anche con un budget ristretto è possibile migliorare in maniera sensibile il comportamento della nostra "adorata bambina", rendendola più adatta alle velleità agonistiche che ossessionano la mente di ognuno di noi.

Premesso che nessuna moto nasce perfetta, le modifiche di cui ti parlo in questo articolo, sono di piccola entità ma efficaci e mirano a tirare fuori il massimo dal mezzo di serie ad un costo contenuto, adattandolo alle condizioni di utilizzo abituale.

1. FRENI

Gli impianti di serie sono già molto performanti, tuttavia spesso possono essere migliorati con la semplice sostituzione delle pastiglie di primo equipaggiamento con delle pastiglie aftermarket, più performanti, le quali possono offrire prestazioni maggiori in funzione della mescola scelta. Un'altra modifica dal costo contenuto, qualora la tua moto non ne fosse già provvista di serie, è costituita dall'installazione di un kit tubi in treccia metallica.

Quest'ultimo permette di ridurre la dilatazione tipica dei tubi freno di serie alle basse pressioni atmosferiche, inoltre mantiene costante il rendimento della frenata, mentre la risposta all'azionamento del comando freno diventa più reattiva e precisa.

2. SOSPENSIONI

Avere delle sospensioni perfettamente messe a punto è la regola fondamentale per sfruttare al massimo la ciclistica, ovvero le capacità dinamiche del mezzo. Anche in questo caso, nulla da eccepire per quanto riguarda i componenti di serie, ma spesso forcelle e monoammortizzatore non rendono come dovrebbero. Tarature sommarie e spurgatura imperfetta sono le cause principali che rendono la moto goffa nei cambi di direzione, ma anche instabile e nella peggiore delle ipotesi inguidabile.

Il consiglio è quello di rivolgerti ad uno specialista delle sospensioni, chiedendone la revisione con annesso cambio olio e specifica taratura in funzione del tuo peso.

3. GOMME

La prima regola è quella di controllare periodicamente la pressione delle gomme, mantenendola sempre al valore consigliato dal costruttore. La seconda regola, non meno importante della prima riguarda il tipo di gomma montata. Quest'ultima va scelta in funzione della destinazione d'uso della moto.

Non è che montare una treno di gomme da pista su una moto destinata all'uso stradale ti farà andare più forte, piuttosto abbasserà il livello generale di sicurezza in quanto, le gomme da pista, raggiungono la temperatura di esercizio ad andature decisamente più elevate, difficilmente raggiugibili su strada.

Pertanto, se utilizzi la tua moto su strada, assicurati che sia dotata di un treno di gomme stradali, viceversa se la utilizzi in pista, assicurati che le gomme siano idonee all'uso in circuito.

4. MOTORE

Inutile dire che i motori di oggi sono davvero ultraperformanti. Se il propulsore della tua moto è alimentato ad iniezione elettronica, limitati a mantenerlo in buono stato di manutenzione seguendo il programma tagliandi suggerito dalla casa costruttrice.

Se invece sei in possesso di una moto a carburatori, fai controllare il rapporto stechiometrico al banco, se quest'ultimo è fuori norma, riportalo ad un valore ottimale con una accurata carburazione.

5. COMODITA'

Sembra un aspetto di poco conto ma non lo è affatto. Durante la guida occorre avere una buona libertà di movimento, evita quindi di indossare un abbigliamento tecnico troppo costrittivo che può rendere difficili i gesti naturali, necessari per una guida veloce ma anche e soprattutto sicura.

Dedica una mezz'oretta alla regolazione della posizione di manubri e pedane, in modo tale da adattarli alla tua statura e posizione in sella, ne guadagnerai in comfort di guida.

© RIPRODUZIONE RISERVATA