banner regali natale per motociclisti 2017

Tecnica
Carattere

La sostituzione delle candele tradizionali con le candele all'iridio, un pò come per i tubi freno aeronautici,  è una delle modifiche più gettonate fra gli appassionati delle due ruote.

Prima di elencare tutti i vantaggi offerti dalle candele all'iridio è bene fare una premessa partendo dal funzionamento delle candele di accensione e dai elementi che le costituiscono.

Come già saprete, nei motori endotermici ad accensione comandata, detti anche ciclo otto, la candela d'accensione rappresenta il dispositivo elettrico inserito nella testa di ogni cilindro, il cui compito è quello di generare la scintilla che innesca la combustione. Alla candela viene applicata una tensione di migliaia di volt generata dalla bobina : la differenza di tensione fra i due elettrodi (positivo e negativo) è crescente fino a superare la capacità isolante della miscela di aria e benzina, che al ridursi della resistenza dielettrica comincia a ionizzarsi.

Un gas ionizzato diviene conduttore, generando una breve ma intensissima scarica di elettroni, in sostanza lo stesso principio che genera i fulmini durante un temporale: la scintilla induce un riscaldamento locale della carica fresca fino a temperature che vanno dai 700 ai 1000 °C (a seconda della qualità della candela).

I COMPONENTI DELLE CANDELE

Le candele sono costruite assemblando diversi componenti e materiali, in esse si possono distinguere le seguenti parti :

Terminale : è la parte superiore della candela, su di essa viene collegata la pipetta della bobbina. Il terminale può essere svitato per adattare l'attacco a tutte le tipologie di pipette.

Corpo ceramico : garantisce l’isolamento elettrico e trasferisce il calore verso la testa del motore. Il corpo ceramico è a sua volta composto da tre elementi :

Corpo: parte superiore del corpo ceramico, realizzato in ceramica a base di ossido di alluminio ;

Coste: hanno la funzione di incrementare il potere isolante e di impedire che una scarica elettrica si instauri tra il terminale e l'involucro metallico muovendosi parallelamente alla superficie del corpo isolante. I risalti allungano il percorso che la scarica dovrebbe seguire e lo rendono tortuoso, in modo da aumentare la resistenza ;

Isolatore : costituisce la parte inferiore del corpo ceramico, giunge fino alla base dell'elettrodo centrale per questo deve resistere fino a 1500 °C e 60.000 V, le sue misure determinano il grado termico della candela.

Il Corpo metallico rappresenta la struttura centrale della candela, in esso è possibile distinguere quattro parti fondamentali :

Esagono : è la parte sottostante al corpo ceramico e serve a permettere l'avvitamento della candela sulla testata, tramite l'ausilio di chiavi idonee, le cui misure variano fra 16, 18 e 21.

Filettatura : è la parte filettata che viene avvitata nella testata ;

Guarnizione : realizzata in metallo deformabile, ha la funzione di chiudere ermeticamente il foro candela, in modo tale da evitare perdite di compressione in camera di combustione ;

Elettrodi : sono due, elettrodo centrale ed elettrodo di massa. Il primo (polo negativo, da cui scorrono/fuggono gli elettroni) sbuca dall'isolatore, da esso scocca la scintilla elettrica. Con maggiori diametro e lunghezza viene garantita una maggiore durata ; restringendo questi valori si ha una maggiore affidabilità nello scoccare della scintilla a svantaggio della durata del pezzo. I motori da competizione utilizzano generalmente candele con elettrodi molto sottili realizzati in leghe speciali.

L'elettrodo di massa invece parte dal corpo metallico e viene posto ad una certa distanza (gap) dall'elettrodo centrale.

VANTAGGI DELLE CANDELE ALL'IRIDIO

Migliorare durata e funzionamento di una candela è possibile e le candele all'iridio ne sono la prova. In esse l'elettrodo centrale, con riporto in lega di iridio, ha dimensioni molto contenute (diametro di soli 0,6 mm) rispetto alle tradizionali candele con elettrodo in acciaio/nichel. Questa particolarità si traduce in una considerevole riduzione della tensione richiesta per lo scoccare della scintilla inoltre favorisce notevolmente la propagazione del fronte di fiamma in camera di combustione.

Il tutto produce una migliore combustione grazie ad una scintilla più lunga ed una maggiore durata della candela (il doppio rispetto alle vandele normali) grazie all'elevata durezza dell'iridio, basti pensare all'elevato punto di fusione di questo pregiato metallo (superiore ai 2450°C) e all'elevata resistenza all'azione erosiva delle scintille.

La migliore combustione inoltre comporta una riduzione della formazione di depositi carboniosi, allungando la vita del motore stesso.

LE PRESTAZIONI

La domanda più frequente quando si parla di candele all'iridio è la seguente : quanti cavalli guadagno istallandole sulla mia moto ? Beh vi rispondo con una sola parola...nessuno ! L'aumento di potenza non è percettibile, l'unico effetto che noterete è dato dalla migliore combustione, quindi minori borbottii del motore e maggiore rotondità nell'erogazione.

Chi vuole acquistare queste candele deve farlo più per una questione di durata e di salvaguardia del motore della propria moto che per le prestazioni. Per aumentare la potenza del motore, le modifiche da fare sono altre e ben più costose delle 15 euro medie che occorrono per acquistare una singola candela iridium.

TROVA LE MIGLIORI CANDELE IRIDIO PER LA TUA MOTO

© RIPRODUZIONE RISERVATA